it en
Change your language here!
819048 714 381
71427321893

Disintossicazione

  • Epilessia: il Cannabidiolo (CBD) Potrebbe essere un'Opzione Naturale ?

     

    disfunzione cognitiva nel cervello dell'uomoL'epilessia è una malattia importante che colpisce la funzione cerebrale ed è associata a disfunzione cognitiva e disturbo del comportamento, che possono influire sulla qualità della vita, specialmente durante il periodo di sviluppo (1).

    In particolare i bambini con meno di 3 anni possono essere maggiormente soggetti a crisi incontrollate, che più avanti nella vita possono portare a scarsa funzione cognitiva (2).

    L’epilessia è la quarta malattia neurologica più comune al mondo, sono 65 milioni di persone che soffrono di questo disturbo; colpisce persone di tutte le età e culture, in tutto il mondo (3). Le convulsioni, il segno distintivo dell'epilessia, si verificano quando c'è un improvviso cambiamento nel modo in cui le cellule cerebrali comunicano tra loro.

    Questi cambiamenti di comunicazione causano segnali anormali e cambiamenti temporanei nelle sensazioni, nei comportamenti, nel controllo motorio, nel movimento e nella coscienza. Continua a leggere

  • Erba d’Orzo: 9 Buoni Motivi per Consumarla

    erba d'orzo beneficiL'erba d'orzo è il germoglio della pianta d'orzo (Hordeum vulgare). È simile alle altre erbe di cereali. Le foglie di erba d'orzo sono utilizzate per ricavare una bevanda nutriente e benefica per la salute o trasformate per produrre integratori. 

    L'erba d'orzo è una ricca fonte di calcio, rame, ferro, magnesio, potassio, zinco, vitamine, enzimi, amminoacidi e sostanze fitochimiche, come la clorofilla e il beta-carotene. Essa è benefica per la nostra salute perché è un concentrato nutrizionale assoluto.

    Il primo uso noto di erba d'orzo risale al 7000 a.C., quando veniva usato non solo come alimento, ma anche per trattare problemi di salute come infiammazione della pelle, problemi al fegato e problemi di sangue. 

     

    Continua a leggere

  • 20 Sintomi di un Fegato Sofferente

    fegato dolorante nell'uomo

    Uno dei principali strumenti con cui il corpo si libera dalle tossine è il fegato. La salute e il benessere di ognuno di noi dipendono dalla capacità del corpo di liberarsi e purificarsi dalle tossine.

    Nel mondo in cui viviamo, veniamo costantemente esposti a tossine ambientali, mangiamo alimenti trasformati e usiamo molti prodotti tossici per la cura del corpo, per cui la maggior parte di noi ha grande necessità di una pulizia del fegato.

    Questo organo vitale lavora alacremente per filtrare le tossine e i rifiuti del corpo, oltre a svolgere centinaia di altre funzioni. L'azione primaria del fegato è quella di convertire le tossine in un rifiuto sicuro, per essere espulso dal corpo attraverso le urine e le feci. 

    Il fegato ha più di 400 funzioni: oltre alla digestione dei grassi, regola la composizione del sangue per bilanciare proteine, grassi e zuccheri, immagazzina vitamine e minerali essenziali come il ferro, trasforma i nutrienti che sono stati assorbiti negli intestini e smaltisce droghe e alcol. 

    Continua a leggere

  • Cistite: 5 Rimedi Naturali per affrontarla

    donna con dolore in pancia cistite

    La cistite è una fastidiosa infiammazione della vescica che è spesso causata da un'infezione batterica alla stessa.

    La cistite si verifica quando i batteri irrompono nella vescica attraverso l'uretra, il canale che trasporta l'urina fuori dal nostro corpo. L’apparato urinario è completamente sterile, tranne che nel tratto terminale dell’uretra, dove, data la vicinanza anatomica con la zona perianale, si deposita una piccola quantità di batteri che vi rimane per breve tempo prima di essere trascinata fuori dall’organismo con il flusso urinario.

    Tuttavia, in alcune condizioni, questi batteri possono proliferare e moltiplicarsi tanto da non poter più esser espulsi del tutto con le urine: rimanendo per un periodo più lungo nell’uretra, i batteri si moltiplicano e risalgono alla vescica, provocando un'infezione.

    Questa condizione è più comune nelle donne, ma anche i maschi e i bambini possono soffrirne.

    Sintomi della cistite

    I sintomi più comuni della cistite sono:

    • ♦ bruciore e dolore nella vescica o nell'uretra durante la minzione;
    • ♦ stimolo continuo della minzione, ma con emissione di sole piccole quantità
    • ♦ dolore addominale 
    • ♦ dolore pelvico
    • ♦ dolori muscolari
    • ♦ stanchezza 
    • ♦ urina torbida
    • ♦ urina con sangue
    • ♦ urina dall'odore forte
    • ♦ febbre alta nei bambini piccoli, accompagnata da irritabilità, vomito, riduzione dell'appetito e debolezza.

    Continua a leggere

  • Stitichezza: Cause e Rimedi Naturali

    uomo con carta igienica che va in bagnoQuando hai difficoltà ad evacuare regolarmente le feci, oppure l’evacuazione è dolorosa, quando vai in bagno e non senti “svuotare” completamente l’intestino, avverti pancia gonfia e flatulenza, probabilmente soffri di stitichezza (1) (2).

    Ogni persona è diversa e così anche ogni movimento intestinale.  Alcune persone riescono a defecare tre volte al giorno, altre solo poche volte a settimana.  

    Il normale periodo di tempo tra i movimenti intestinali varia ampiamente da individuo a individuo. Tuttavia, passare più di tre giorni senza defecare è, di solito, un periodo troppo lungo. Infatti, trascorso tale lasso di tempo, le feci diventano dure e asciutte e, di conseguenza, questo crea difficoltà a defecare (3).

    La stitichezza o stipsi è un’alterazione che può essere saltuaria  o cronica. La stitichezza saltuaria, per lo più, si risolve in breve tempo; può essere legata a situazioni stressanti, a cambiamenti stagionali, alla modificazione della dieta o a variazioni di orari (come succede in viaggio o in vacanza). 

    La stitichezza cronica comporta un disagio non indifferente nella vita della persona che ne soffre e le cause possono essere diverse: stile di vita non corretto, con pasti irregolari, scarso apporto di liquidi, scarso apporto di fibre, assunzione di alcuni farmaci, sedentarietà, problemi ormonali, come l'ipotiroidismo e disturbi nell’apparato gastrointestinale.

    Continua a leggere

  • Pancia Gonfia: Cause e Rimedi Naturali

    donna con gonfiore alla panciaLa pancia gonfia non è solo un problema estetico, ma può anche essere un fattore fastidioso o, addirittura, doloroso. Il gonfiore addominale è una condizione abbastanza comune nelle persone con disturbi gastrointestinali (1) (2). Tra il 10 e il 25% delle persone in buona salute soffre di tale problematica.

    Anche se particolarmente comune nelle persone con la sindrome dell'intestino irritabile (4), il gonfiore addominale può avere svariate cause, come l'intolleranza alimentare o motivazioni più gravi. 

    Come fare a sapere se il gonfiore è solo un fastidio o un segno di qualcosa di più preoccupante? Di seguito l’elenco con alcune delle principali cause.

    Continua a leggere

  • Come Aumentare l'Acido Cloridrico e Ridurre l'Infiammazione Intestinale con il Sedano

    succo di sedano fresco

    Sai che consumare il succo di sedano puro alla mattina a digiuno è un portento per la salute?

    Il sedano è un meraviglioso ortaggio, ricco di vitamine e minerali, e ha varie proprietà medicinali (antiossidanti, antibatteriche, antinfiammatorie) (1).

    Secondo alcune ricerche il consumo regolare di sedano può apportare diversi benefici alla salute: rafforza il sistema digestivo, purifica il flusso sanguigno, previene le malattie cardiache, regola la pressione sanguigna e il colesterolo, aiuta chi soffre di dolori articolari, come l’artrite, è benefico per la salute di ossa e fegato e favorisce la perdita di peso.

    I ricercatori ritengono che il sedano sostenga la salute dello stomaco, del colon e dell'intestino grazie ai suoi componenti. Infatti il sedano contiene molta vitamina C, beta carotene e flavonoidi, ma ci sono almeno 12 ulteriori tipi di nutrienti trovati in un singolo gambo, come la vitamina B6, la vitamina K, il folato e il potassio.

    Il sedano è ricchissimo di fitonutrienti, che hanno dimostrato di ridurre i casi di infiammazione nel tratto digestivo, nelle cellule, nei vasi sanguigni e negli organi. E non è tutto, il sedano è una grande fonte di importanti antiossidanti (2). Gli antiossidanti proteggono dal danno ossidativo le cellule, i vasi sanguigni e gli organi.

    Essendo il sedano un ottimo antinfiammatorio (3) (4), aiuta a regolare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo, oltre a prevenire le malattie cardiache.

    Il sedano fornisce anche fibre alimentari, importanti per una migliore digestione e per la perdita di peso (5). Contiene un’alta percentuale di acqua ed elettroliti, che può prevenire la disidratazione; risulta ottimo per le ghiandole surrenali e per diminuire lo stress.

    Inoltre aiuta a bilanciare lo zucchero nel sangue, importante per l'equilibrio ormonale. I composti in esso contenuti agiscono come diuretico e aiutano a ridurre il gonfiore.

    Il sedano è un alimento alcalino, quindi può favorire l’eliminazione delle tossine dal corpo, attraverso ossigenazione cellulare e aiuta a purificare il flusso sanguigno. Una dieta alcalina inoltre favorisce la salute delle ossa, riduce la perdita muscolare e limita malattie croniche come l'ipertensione (6).

    Continua a leggere

  • Curcuma: Cinque Proprietà Medicinali

    radice di curcuma

    La curcuma è stata usata in India per migliaia di anni come erba aromatica e medicinale. È stata impiegata nella medicina Ayurvedica per secoli, poiché non è tossica e ha una varietà di proprietà terapeutiche tra cui attività antiossidante, analgesica, antinfiammatoria, antimicrobica, epatoprotettiva, immunostimolante e antisettica.

    Infatti recenti studi attribuiscono alla curcuma numerose proprietà medicinali (1), grazie ai suoi potenti composti bioattivi. Questi composti sono chiamati curcuminoidi, il più importante dei quali è la curcumina.

    La curcumina è il principale ingrediente attivo della curcuma: ha potenti effetti anti-infiammatori ed è un antiossidante molto forte (2).

    Continua a leggere

  • I Benefici del Clistere al Caffè

    uomo si fa clistere in bagnoIl clistere al caffè è un lavaggio che viene usato per la pulizia del colon, impiegato nella medicina alternativa e olistica, quando si inizia un trattamento depurativo.

    Si utilizza il caffè e non il classico clistere con solo acqua e sale per usufruire dei benefici che la caffeina offre al fegato: fa produrre più bile, apre i dotti biliari e fa in modo che la bile scorra. In questo processo, un fegato intossicato può scaricare molte delle sue tossine, donando sollievo a tutto il corpo.

    Il lavaggio del colon è uno dei più antichi trattamenti medici conosciuti dall'uomo. Nel più antico testo medico conosciuto, l'egiziano Ebers Papyrus (1.500 a.C.), si registra l'uso di clisteri.

    Il clistere di caffè fu concepito nel 1917 e apparve nel Manuale di Merck, un compendio di cure mediche ortodosse, fino al 1972 (1). All’inizio del 1900 gli scienziati tedeschi studiarono l'effetto della caffeina e scoprirono che era in grado di aprire i dotti biliari e aumentare la produzione di bile da parte del fegato (2).

    È stato il medico tedesco-americano Max Gerson che ha contribuito a mettere la procedura del clistere di caffè in pratica fino ad oggi. Esso ha iniziato a usare clisteri di caffè con i suoi pazienti affetti da tubercolosi e poi con i suoi pazienti oncologici.

    Continua a leggere

  • Parassiti Intestinali: come Riconoscere i Sintomi e come Debellarli Naturalmente

    mal di pancia causato da parassiti intestinaliPensare di avere un parassita può essere un concetto spaventoso. Purtroppo un’infezione da parassiti non è così difficile da contrarre: i parassiti sono molto più comuni di quanto si pensi.

    È un errore credere che i parassiti esistano solo nei paesi sottosviluppati. In Italia esistono poche ricerche interessate a fornire dati sul disturbo della parassitosi intestinale, ma una carenza di dati non implica che questi patogeni abbiano cessato di essere un pericolo per la salute pubblica: i flussi migratori di fine millennio stanno infatti portando di nuovo alla ribalta questo disturbo.

    Degli studi svolti presso la Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano (1), nel triennio 2007-2009, hanno verificato che il Blastocystis hominis è stato il protozoo più diffuso nella nostra popolazione. Inoltre segnalano anche la presenza di nuovi patogeni di importazione come Hymenolepis nana e Schistosoma mansoni.

    Continua a leggere

Oggetti 1 a 10 di 21 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3