it en
Change your language here!

FitoPlus Italiano

  • Perdita di Capelli in Menopausa

    donna matura caduta dei capelli

    Per molte donne, i capelli sono qualcosa di molto importante: sono un'espressione della propria personalità e della propria immagine, perchè possono essere controllati attraverso il taglio, il colore e la pettinatura. Quando una donna perde molti capelli, può sentirsi meno femminile e ciò può influire sulla sua autostima. La perdita di capelli è uno dei disturbi che può comparire in menopausa.

    La menopausa è un processo biologico naturale che tutte le donne sperimentano ad un certo punto della vita. Durante questo periodo, il corpo subisce numerosi cambiamenti mentre si adegua agli sbalzi ormonali. Molte donne hanno sintomi spiacevoli, tra cui vampate di calore, sbalzi d'umore, insonnia e  perdita di capelli.  

    La perdita dei capelli tende ad essere più esigua nelle donne che negli uomini. La maggior parte di esse sperimenta un diradamento generale, piuttosto che evidenti calvizie localizzate. La diminuzione può verificarsi sulla parte anteriore, sui lati o sulla sommità della testa. I capelli possono anche cadere in grandi gruppi durante la spazzolatura e la doccia.  

    Continua a leggere

  • Stanchezza: Come Aumentare l’Energia Naturalmente 

    uomo stressato stanco al lavoro

    Ti senti senza forze per affrontare la giornata, ti svegli già stanco, svogliato, con poca o nessuna capacità di concentrazione? Hai a che fare con la stanchezza, ma attenzione: combattere contro la stanchezza è essa stessa un'attività stancante. 

    La stanchezza fisica o mentale può essere causata da superlavoro, esercizio fisico e mancanza di sonno. Può anche essere un sintomo derivante dall'assunzione di farmaci, da malattia, ansia o depressione.

    L'affaticamento colpisce oltre il 20% delle persone in tutto il mondo e, di solito, è associato a debolezza fisica e/o mentale (1). La debolezza fisica colpisce soprattutto persone che svolgono attività impegnative o lavori pesanti: esse possono sperimentare una ridotta efficienza e un depotenziamento delle capacità di lavoro. La debolezza psicologica, molto duffusa tra persone con depressione o disturbi del sonno, può provocare un senso di stanchezza, esaurimento e mancanza di motivazione (2). Poiché la fatica può essere scambiata per pigrizia o letargia, alcune persone potrebbero non riconoscerla come un problema serio da risolvere con un trattamento adeguato.

    Gli stimolanti come caffè, bevande energetiche possono solo fornire un sollievo temporaneo e, in molti casi, possono addirittura creare problemi di salute nel lungo periodo. Pertanto, è imperativo affrontare l'affaticamento con misure adeguate e costruttive, per risolvere le disfunzioni dei sistemi corporei responsabili (3).

    Se sei costantemente a corto di energia, è importante assicurarsi che questa mancanza non sia dovuta a una patologia, come uno squilibrio ormonale, disfunzione alla tiroide, anemia, diabete o stanchezza surrenale. Una volta che le condizioni mediche siano state scartate, l'unica cosa da fare con la stanchezza che continua a farsi sentire, è reagire. E’ il momento di cambiare!

    Per fortuna, stanchezza e mancanza di energia si possono sconfiggere naturalmente. Ecco alcuni consigli.

    Continua a leggere

  • Cistite: 5 Rimedi Naturali per affrontarla

    donna con dolore in pancia cistite

    La cistite è una fastidiosa infiammazione della vescica che è spesso causata da un'infezione batterica alla stessa.

    La cistite si verifica quando i batteri irrompono nella vescica attraverso l'uretra, il canale che trasporta l'urina fuori dal nostro corpo. L’apparato urinario è completamente sterile, tranne che nel tratto terminale dell’uretra, dove, data la vicinanza anatomica con la zona perianale, si deposita una piccola quantità di batteri che vi rimane per breve tempo prima di essere trascinata fuori dall’organismo con il flusso urinario. Tuttavia, in alcune condizioni, questi batteri possono proliferare e moltiplicarsi tanto da non poter più esser espulsi del tutto con le urine: rimanendo per un periodo più lungo nell’uretra, i batteri si moltiplicano e risalgono alla vescica, provocando un'infezione.

    Questa condizione è più comune nelle donne, ma anche i maschi e i bambini possono soffrirne.

    Sintomi della cistite

    I sintomi più comuni della cistite sono:

    • ♦ bruciore e dolore nella vescica o nell'uretra durante la minzione;
    • ♦ stimolo continuo della minzione, ma con emissione di sole piccole quantità
    • ♦ dolore addominale 
    • ♦ dolore pelvico
    • ♦ dolori muscolari
    • ♦ stanchezza 
    • ♦ urina torbida
    • ♦ urina con sangue
    • ♦ urina dall'odore forte
    • ♦ febbre alta nei bambini piccoli, accompagnata da irritabilità, vomito, riduzione dell'appetito e debolezza.

    Continua a leggere

  • Stitichezza: Cause e Rimedi Naturali

    uomo con carta igienica che va in bagnoQuando hai difficoltà ad evacuare regolarmente le feci, oppure l’evacuazione è dolorosa, quando vai in bagno e non senti “svuotare” completamente l’intestino, avverti pancia gonfia e flatulenza, probabilmente soffri di stitichezza (1) (2).

    Ogni persona è diversa e così anche ogni movimento intestinale.  Alcune persone riescono a defecare tre volte al giorno, altre solo poche volte a settimana.  

    Il normale periodo di tempo tra i movimenti intestinali varia ampiamente da individuo a individuo. Tuttavia, passare più di tre giorni senza defecare è, di solito, un periodo troppo lungo. Infatti, trascorso tale lasso di tempo, le feci diventano dure e asciutte e, di conseguenza, questo crea difficoltà a defecare (3).

    La stitichezza o stipsi è un’alterazione che può essere saltuaria  o cronica. La stitichezza saltuaria, per lo più, si risolve in breve tempo; può essere legata a situazioni stressanti, a cambiamenti stagionali, alla modificazione della dieta o a variazioni di orari (come succede in viaggio o in vacanza). 

    La stitichezza cronica comporta un disagio non indifferente nella vita della persona che ne soffre e le cause possono essere diverse: stile di vita non corretto, con pasti irregolari, scarso apporto di liquidi, scarso apporto di fibre, assunzione di alcuni farmaci, sedentarietà, problemi ormonali, come l'ipotiroidismo e disturbi nell’apparato gastrointestinale.

    Continua a leggere

  • Allergie: Sintomi, Cause e Rimedi Naturali 

    uomo allergico starnuto

    Con l’arrivo della primavera, ogni anno la stessa storia: mal di testa, occhi che lacrimano in continuazione e prurito agli stessi, cioè tutti i sintomi di chi soffre di allergie stagionali (generalmente alle graminacee e ai pollini). Poi ci sono gli allergici perenni, quelli che soffrono di allergie alimentari o allergie da contatto. Infine, vi sono gli allergici che non sanno di essere allergici: infatti buona parte delle allergie non viene riconosciuta ufficialmente, perché non sempre si pensa che i disturbi che percepiamo possano essere di natura allergica. Per questo, se si hanno dei sintomi sospetti, è importante rivolgersi al proprio medico, il quale potrebbe, dopo un consulto, prescrivere dei test allergologici.

    Considerando i dati Istat, ricavati dalle indagini campionarie condotte dall’istituto, le persone affette da malattie allergiche croniche in Italia nel 2016 sarebbero il 10,7% della popolazione (1).

    Un'allergia è una risposta “esagerata” del sistema immunitario che cerca di difendersi da una sostanza chiamata allergene, che può essere di natura vegetale, minerale o animale, generalmente inoffensiva per la maggior parte delle persone. Essendo coinvolto il sistema immunitario, si può affermare che l’allergia è sempre una patologia sistemica, ovvero coinvolge tutto l’organismo. Diversi studi hanno infatti dimostrato che, sebbene si evidenzi con sintomi localizzati apparentemente scollegati tra di loro, l’allergia coinvolge sempre l’intero organismo. L’ipersensibilità localizzata è, quindi, solo la manifestazione esteriore della problematica. 

    Continua a leggere

  • Pancia Gonfia: Cause e Rimedi Naturali

    donna con gonfiore alla panciaLa pancia gonfia non è solo un problema estetico, ma può anche essere un fattore fastidioso o, addirittura, doloroso. Il gonfiore addominale è una condizione abbastanza comune nelle persone con disturbi gastrointestinali (1) (2). Tra il 10 e il 25% delle persone in buona salute soffre di tale problematica. Anche se particolarmente comune nelle persone con la sindrome dell'intestino irritabile (4), il gonfiore addominale può avere svariate cause, come l'intolleranza alimentare o motivazioni più gravi. 

    Come fare a sapere se il gonfiore è solo un fastidio o un segno di qualcosa di più preoccupante? Di seguito l’elenco con alcune delle principali cause.

    Continua a leggere

  • Dolori Mestruali: 5 Rimedi Naturali

    donna lavoratrice con dolori mestruali

    I dolori mestruali, conosciuti in termini medicicome dismenorrea, costituisconoun disturbo abbastanza comune nelle donne in età fertile: più della metà delle donne con ciclo mestruale lamenta qualche dolore da crampi mestrualiper un giorno o due al mese (1).

    I dolori mestruali, di solito, non sono un segno di una grave stato di salute, ma possono mettere un freno allo stile di vita delle donne. Questi dolori spesso privano le donne delle loro capacità di compiere determinate funzioni. Infatti dal 60 % al 90 % delle donne soffrono durante il ciclo mestruale di dolori mestruali e questo causa tassi dal 13 % al 51 % di assenteismo a scuola e dal 5 % al 15 % di assenteismo nel lavoro (2). 

    Nonostante i dati allarmanti, in Italia ancora non è stata approvata la proposta di legge (3)Istituzione del congedo per le donne che soffrono di dismenorrea(4) presentata nel 2016, che prevede che vengano accordati tre giorni di permesso retribuito al mese alle donne lavoratrici.

    Recentemente, questo congedo è stato adottato in Sud Corea (nel 2001) e a Taiwan (nel 2013). E un’azienda in Inghilterra ha deciso di inserire nel suo statuto un congedo di esenzione dal lavoro di alcuni giorni per le impiegate con il ciclo mestruale. Questa decisione è stata presa anche da una nota multinazionale americana. Si sta muovendo qualcosa nel mondo, in questo ambito, per la salute delle donne.

    Quindi la dismenorrea non è un disturbo da trascurare, visto che influenza la frequenza e la produttività sul lavoro; non crea solo disagi alla vita delle donne, ma influenza anche la vita di chi sta loro intorno e della società.

    Continua a leggere

  • Camminare a Piedi Scalzi sulla Terra è Potentemente Antinfiammatorio

    piedi nudi sull'erba

    Camminare fa bene alla salute: quando camminiamo esercitiamo i nostri muscoli e il sistema cardiovascolare, miglioriamo la nostra salute mentale, riduciamo lo stress e aumentiamo il nostro benessere generale. E se togliamo le scarpe e camminiamo a piedi nudi, questi benefici si moltiplicano, perché questo ci consente di sincronizzarci con la carica elettrica naturale della terra.

    Secondo gli ultimi studi (1), camminare a piedi nudi ha un impatto notevole sulla salute: riduce le infiammazioni, migliora il sonno, aumenta gli antiossidanti, riduce il dolore cronico, migliora i problemi respiratori, riduce l’ipertensione, diminuisce lo stress, migliora il livello di glucosio nel sangue e attiva la risposta del sistema immunitario (2).

    Per precisare, quando si afferma “camminare scalzi” non si fa riferimento alla filosofia del gimnopodismo (3), dall’inglese barefoot, ovvero uno stile di vita che si basa sulla scelta di alcune persone di non indossare calzature durante le attività quotidiane, per non perdere il radicamento con la natura. Ma si fa riferimento alla pratica biofisica del piede scalzo che, nel contatto diretto con il suolo, crea un'equalizzazione del potenziale elettrico dell'organismo con quello della terra. Il nostro pianeta è un organismo vivente che ci ricarica di energia naturalmente quando ci mettiamo fisicamente in contatto con esso.

    Camminare a piedi nudi è passato dall’essere una tendenza a una pratica scientificamente studiata, con una serie di notevoli vantaggi per la salute. I risultati di questi studi stanno dimostrando che i benefici per la salute derivano dalla relazione tra i nostri corpi e gli elettroni nella terra. Il nostro pianeta ha la sua carica naturale e sembra che stiamo meglio quando entriamo in contatto diretto con esso.

    Continua a leggere

  • Herpes simplex ed Herpes Zoster: Fattori Scatenanti

    herpes faccia ragazza

    Una grande parte di persone sviluppa l'herpes almeno una volta nella vita (1). L'herpes simplex (HSV) e l’herpes zoster (VZV) sono malattie virali e fanno parte della famiglia Herpesviridae virale. Sebbene correlati, questi virus causano condizioni diverse e molto fastidiose.

    Differenza tra Herpes Simplex e Herpes zoster

    Il virus dell'herpes simplex, noto anche come HSV, è un'infezione che causa l'herpes. L'herpes può comparire in varie parti del corpo, più comunemente sui genitali o sulla bocca. Esistono due tipi di virus herpes simplex:

    HSV-1: noto anche come herpes labiale, questo tipo si riconosce facilmente, per la comparsa localizzata di un'eruzione cutanea di piccole vesciche dolorose intorno alla bocca e sul viso.

    HSV-2: questo tipo è generalmente responsabile per le epidemie di herpes genitale. Nel 2003 si stimava che circa 536 milioni di persone in tutto il mondo (il 16% della popolazione) fossero infettate con l'HSV-2 con tassi superiori tra le donne (2).

    Essi sono trasmessi per contatto diretto con i fluidi corporei o attraverso lesioni di un individuo infetto. La trasmissione può verificarsi anche quando i sintomi non sono presenti. L'herpes genitale è classificato come una malattia a trasmissione sessuale. Durante il parto l'herpes simplex può essere trasmesso al bambino (3). Dopo l'infezione, i virus vengono trasportati lungo i nervi sensoriali ai corpi delle cellule nervose, in cui si stabiliscono per tutta la vita (4) (5).

    Continua a leggere

  • Come Aumentare l'Acido Cloridrico e Ridurre l'Infiammazione Intestinale con il Sedano

    succo di sedano

    Sai che consumare il succo di sedano puro alla mattina a digiuno è un portento per la salute?

    Il sedano è un meraviglioso ortaggio, ricco di vitamine e minerali, e ha varie proprietà medicinali (antiossidanti, antibatteriche, antinfiammatorie) (1).

    Secondo alcune ricerche il consumo regolare di sedano può apportare diversi benefici alla salute: rafforza il sistema digestivo, purifica il flusso sanguigno, previene le malattie cardiache, regola la pressione sanguigna e il colesterolo, aiuta chi soffre di dolori articolari, come l’artrite, è benefico per la salute di ossa e fegato e favorisce la perdita di peso.

    I ricercatori ritengono che il sedano sostenga la salute dello stomaco, del colon e dell'intestino grazie ai suoi componenti. Infatti il sedano contiene molta vitamina C, beta carotene e flavonoidi, ma ci sono almeno 12 ulteriori tipi di nutrienti trovati in un singolo gambo, come la vitamina B6, la vitamina K, il folato e il potassio.

    Il sedano è ricchissimo di fitonutrienti, che hanno dimostrato di ridurre i casi di infiammazione nel tratto digestivo, nelle cellule, nei vasi sanguigni e negli organi. E non è tutto, il sedano è una grande fonte di importanti antiossidanti (2). Gli antiossidanti proteggono dal danno ossidativo le cellule, i vasi sanguigni e gli organi.

    Essendo il sedano un ottimo antinfiammatorio (3) (4), aiuta a regolare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo, oltre a prevenire le malattie cardiache.

    Il sedano fornisce anche fibre alimentari, importanti per una migliore digestione e per la perdita di peso (5). Contiene un’alta percentuale di acqua ed elettroliti, che può prevenire la disidratazione; risulta ottimo per le ghiandole surrenali e per diminuire lo stress. Inoltre aiuta a bilanciare lo zucchero nel sangue, importante per l'equilibrio ormonale. I composti in esso contenuti agiscono come diuretico e aiutano a ridurre il gonfiore.

    Il sedano è un alimento alcalino, quindi può favorire l’eliminazione delle tossine dal corpo, attraverso ossigenazione cellulare e aiuta a purificare il flusso sanguigno. Una dieta alcalina inoltre favorisce la salute delle ossa, riduce la perdita muscolare e limita malattie croniche come l'ipertensione (6).

    Continua a leggere

Oggetti 1 a 10 di 98 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. ...
  7. 10