Change your language here!

Servizio gratuito numero


RNA Reset

Le parole del produttore su ReMag e ReMyte

Capire come si creano ReMag e ReMyte richiede una conoscenza di base della chimica degli ioni, della ionizzazione, del potenziale di ionizzazione e dell'assorbimento dei minerali. Alcune ricerche su Google utilizzando le parole chiave di cui sopra vi forniranno le informazioni di base necessarie.

Il magnesio di ReMag e i minerali di ReMyte sono nella stessa forma che si può trovare naturalmente nel nostro cibo. Tutti questi minerali sono liquidi ionici, monoatomici (ioni individuali di minerali in soluzione) e possono essere descritti come picometri come dimensioni. Non vi è alcuna nanotecnologia coinvolta.I picometri sono unità di misura, nient'altro. (In un metro ci sono un quadrilione, 1.000.000.000.000, di picometri).

ReMag e ReMyte non sono solo soluzioni ioniche. Gli ioni sono una carica, non una dimensione. Gli ioni in soluzione possono comunque formare grandi complessi o strutture reticolari, che aumentano la loro dimensione oltre quella di uno ione singolo. Inoltre hanno la tendenza a legarsi con idrogeno e ossigeno per formare ossido di magnesio e idrossidi, ed entrambi agiscono come antiacidi che neutralizzano l’acido gastrico.

Sono anche lassativi e difficili da digerire, necessitando un’energia digestiva per essere assorbiti. La nostra tecnologia assicura che i singoli ioni in soluzione rimangono singoli (monoatomico), e quindi li distinguiamo da soluzioni ioniche deboli complesse chiamandoli minerali picometrici.

La dimensione di uno ione singolo, quando ionico e non legato a un composto o ad altri ioni, rientra nelle unità di misura del picometro. La dimensione dello ione singolo è determinata dalla natura dell'elemento in questione e dal suo peso atomico. Uno ione di magnesio per esempio può essere piccolo solo quanto consentito dalle leggi di Madre Natura. Per esempio, non possiamo realizzare un singolo atomo di magnesio più piccolo; possiamo solo garantire che l'atomo non si combini con altri atomi per formare grandi gruppi di atomi. È lo stesso con gli ioni. La dimensione di un singolo ione monoatomico di magnesio è di circa 86 picometri.

Il nostro processo assicura che il magnesio rimanga nella dimensione del picometro per il massimo assorbimento. Il vero segreto del nostro processo è che controlliamo tutti i fattori nel processo di ionizzazione in modo che il prodotto finito è una forma di magnesio monoatomica ionica della dimensione del picometro (come assorbita dai sistemi delle radici delle piante, rilasciata nel nostro sistema digestivo e assorbita nelle cellule). Il processo di ionizzazione in sé è complesso, ma non è diverso da ciò che accade in natura ogni minuto della giornata. Per ripetere, non permettiamo agli ioni di legarsi in gruppi ionici complessi o composti che richiedano un'energia digestiva per romperli.

In che modo la natura fornisce minerali al corpo umano?

Quando mangiamo dei cibi (l'ideale fonte più naturale di minerali) i minerali vengono rilasciati dal cibo per azione dell'acido cloridrico e dei succhi gastrici nello stomaco. In sostanza i succhi gastrici ionizzano i minerali nel cibo formando singoli ioni, non chelati o composti o grandi gruppi di ioni.

Gli ioni sono alla base dell’energia e della funzione biologica. È solo dopo che gli ioni vengono liberati dal cibo, che i minerali ionizzati, che portano una carica elettrica positiva, si attaccano a un vettore fortissimo caricato negativamente, mediante chelazione, o a una proteina del vettore. È allora che passano attraverso il corpo o vengono assorbiti dai siti proteici. Oppure può passare nell'intestino come uno ione minerale caricato positivamente staccato per assorbimento da parte dei recettori ionici.

Uno ione è un qualsiasi atomo o gruppo di atomi che ha una carica elettrica positiva o negativa. Gli ioni caricati positivamente sono noti come cationi (i minerali formano i cationi) mentre gli ioni carichi negativamente sono chiamati anioni. Gli ioni si formano dall'aggiunta di elettroni o dall'eliminazione di elettroni, atomi neutri o molecole o altri ioni.

In generale è noto che, perché un corpo possa assorbire efficacemente e completamente i minerali, deve avere una carica elettrica applicata al fine di penetrare le barriere cellulari. Vogliamo che il minerale venga assorbito nella cellula, non solo nel flusso sanguigno. Questa carica elettrica esistente circonda l'atomo, perché l'atomo è mancante di un elettrone o ha elettroni supplementari entro la zona circostante. Questa carica fa sì che gli ioni interagiscano attraendosi o respingendosi tra loro alla ricerca di un altro ione per aiutare o rimuovere gli elettroni aggiuntivi. È la carica sulla particella che consente ai materiali di attivare le numerose funzioni svolte all'interno del corpo.

Ma ricordate, un minerale carico ionicamente può essere ancora in un complesso che lo rende troppo grande per entrare nelle cellule. I minerali sono fondamentalmente dei catalizzatori (avviatori di reazione) e dei cofattori nei processi metabolici grazie alla loro carica elettrica. Il fluido che circonda le nostre cellule è saturo con cationi e anioni, come lo è il fluido all'interno delle nostre cellule. A causa di questa separazione di atomi con cariche elettriche specifiche, un gradiente elettrico, o corrente, si forma attraverso la membrana cellulare. A causa di questa corrente che carica il minerale le particelle IONICHE possono fluire più facilmente attraverso la membrana cellulare. Il minerale deve essere in uno stato ionico perché questo accada!

I minerali monoatomici ionici, la cui misura è il picometro, già hanno una carica e dimensioni che il corpo riconosce e capisce quindi possono essere facilmente assimilabili attraverso le membrane cellulari selettivamente permeabili dalla testa ai piedi. I minerali monoatomici ionici sono facilmente trasportati attraverso le membrane cellulari altamente selettive del tratto digerente umano. Poiché i minerali ionici sono carichi, il corpo deve impiegare meno energia per assorbire questi minerali.

Tuttavia, alcuni ioni sono legati alle proteine di trasporto, o chelati o complessati agli aminoacidi e devono essere smontati in parti più piccole ed ottenere una carica elettrica per attraversare la membrana intestinale. Il gradiente elettrico (caricato a ioni) permette una facile flusso di minerali ionici da una zona di maggiore concentrazione (tubo digerente dalla bocca all'intestino) ad una zona di minore concentrazione (cellule del corpo). Il corpo assorbe i minerali monoatomici ionici picometrici con maggiore efficacia rispetto ad altre forme di minerali, poiché la maggior parte degli altri minerali deve essere sottoposta ai processi completi di digestione in particelle con cariche più piccole. Infatti, le membrane che rivestono il tratto digestivo mantengono la loro carica elettrica specifica sotto forma di recettori ionici. Il corpo mantiene questa carica sul rivestimento delle membrane per facilitare l'assorbimento delle sostanze nutritive. Diverse aree del recettore mantengono diverse qualità di carica, permettendo l'attrazione delle moltitudini di nutrienti che passano attraverso il tratto digestivo.

È nostra convinzione che fornendo il corpo di sali minerali in una forma che è equivalente ai minerali negli alimenti ha più senso dal momento che lo stomaco ricava i minerali ionici dal cibo.

4 Prodotto/I

Imposta ordine discendente
per pagina

Griglia  Elenco 

4 Prodotto/I

Imposta ordine discendente
per pagina

Griglia  Elenco