Change your language here!

Servizio gratuito numero


3 Modi per Trattare la Stanchezza Surrenale Naturalmente

È difficile crederlo, ma l'80% delle persone nel mondo sperimenta uno stato di affaticamento surrenale più volte nel corso della vita, eppure molte persone che soffrono dei sintomi non sono consapevoli di avere un affaticamento surrenale.

Secondo James Wilson, autore di "Adrenal Fatigue , the 21st Century Stress Syndrome” lo stress cronico e lo stile di vita influenzano la capacità del corpo di recuperare lo stress fisico, mentale o emotivo. Infatti, sia per un breve periodo o per una condizione cronica, la maggior parte delle persone lottano con l'affaticamento surrenale ad un certo punto della loro vita.

Se hai un affaticamento surrenale potresti provare uno o più dei seguenti sintomi:

  • → debolezza;
  • → mancanza di energia;
  • → problemi di concentrazione;
  • → confusione mentale;
  • → scarsa memoria;
  • → problemi digestivi;
  • → insonnia;
  • → depressione;
  • → irritabilità;
  • → stanchezza anche dopo il risveglio;
  • → bisogno di riposare durante il giorno;
  • → sensazione di sopraffazione;
  • → squilibrio ormonale;
  • → desideri per cibi dolci e salati.

 

Questi sintomi possono essere indicativi di alcuni diversi disturbi ma spesso vengono trascurati; oggi sempre più persone stanno cominciando a capire che una combinazione di questi potrebbe indicare l'insorgenza di un’insufficienza surrenale.

L’insufficienza surrenale può anche essere una delle principali cause di accumulo di grassi in eccesso e bassi livelli di energia.

Altri Sintomi e Segnali dell’Affaticamento Surrenale

Quando le ghiandole surrenali sono ipoattive, possono causare una carenza di ormoni a livello cellullare. In questo caso, benché la tiroide sia sana e le analisi nella norma, si possono avere i sintomi dell’ipotiroidismo, come l’aumento di peso, depressione, caduta dei capelli, sensazione di freddo, oscillazione dei livelli di glucosio nel sangue, sfaldamento delle unghie. E’ abbastanza frequente che queste due problematiche, stanchezza  e ipotiroidismo si presentino associate.

Oppure si può avere un affaticamento neurologico a causa di un’infiammazione del sistema nervoso centrale provocata dal virus Epstein Barr (clicca qui per maggiore approfondimento).

Altri segnali possono essere:

-       senso di stanchezza nella prima parte della giornata o durante il giorno, bisogno di sdraiarsi o chiudere gli occhi, anche se si ha dormito la giusta quantità di ore durante la notte;

-       stanchezza al lavoro, ma più energia quando si arriva a casa alla sera;

-       la sera si è esausti, ma si fatica ad addormentarsi;

-       sudorazione abbondante;

-       sete, bocca secca, non si riesce a dissetarsi e spesso si ha voglia di mangiare salato;

-       vista appannata o difficoltà a mettere a fuoco;

-       bisogno continuo di sostanze stimolanti: nicotina, caffeina, spuntini zuccherati o farmaci.

Le Ghiandole Surrenali Influenzano gli altri Organi del Corpo

Le ghiandole surrenali sono due organi posti sopra i reni e fanno parte del sistema endocrino. Sono coinvolte nella produzione di oltre 50 ormoni che guidano quasi tutte le funzioni corporee, molte delle quali sono essenziali per la vita. Gli ormoni influenzano direttamente o indirettamente ogni funzione, organo e tessuto nel corpo.

L’affaticamento surrenale spesso comporta delle conseguenze su altri organi e altre ghiandole. Per esempio il pancreas, quando deve lavorare più del solito per compensare l’ipoattività delle ghiandole surrenali, si infiamma o si ingrossa. Il cuore deve lavorare più del solito per regolare i livelli di cortisolo e glucosio. L’improvviso afflusso del cortisolo può provocare squilibrio nel sistema nervoso centrale e nel cervello. Essi reagiscono l'uno con l'altro e rispondono alle condizioni del corpo in un atto di equilibrio intricato e altamente sensibile.

Le ghiandole surrenali lavorano a stretto contatto con l'ipotalamo e la ghiandola pituitaria in un sistema chiamato asse ipotalamo-ipofisi-surrenale. Le ghiandole surrenali svolgono un ruolo importante nella risposta allo stress. Quando il cervello registra una minaccia (emotiva, mentale o fisica), la midollare surrenale rilascia l’ormone adrenalina per aiutarci a reagire alla minaccia (risposta della lotta o fuga), così il sangue corre al cervello, al cuore e ai muscoli.  La corteccia surrenale rilascia, quindi, i corticosteroidi per smorzare i processi come la digestione, la risposta del sistema immunitario e altre funzioni non necessarie per la sopravvivenza immediata.

Le ghiandole surrenali sono responsabili dell'equilibrio degli ormoni, come ad esempio:

Glucocorticoidi - gli ormoni che bilanciano lo zucchero nel sangue del corpo, aiutano con l'energia e il metabolismo degli alimenti, aiutano il corpo a colmare lo stress e gestiscono la risposta immunitaria (ad esempio, cortisolo);

Mineralocorticoidi - ormoni che mantengono la pressione sanguigna sana, gestiscono il livello di idratazione del sangue e lo mantengono sano mantenendo in equilibrio sale e acqua (ad esempio aldosterone);

Ormoni sessuali - estrogeni e testosterone;

Adrenalina - ormone che influenza la salute del cuore, assicura che tutte le parti del corpo stiano ricevendo sangue e converte il glicogeno in glucosio nel fegato.

Quali sono le  Cause dell'Affaticamento Surrenale?

La stanchezza surrenale è una condizione in cui il corpo e le ghiandole surrenali non riescono a stare al passo con l’eccessiva quantità di stress quotidiano. A volte male interpretato come un disturbo autoimmune, l'affaticamento surrenale può imitare alcuni precursori di altre malattie e malattie comuni. un episodio di stress acuto o stress prolungato e cronico può causare sovraccarico e inefficienza delle ghiandole surrenali.

L’affaticamento surrenale può essere causato da forti traumi emotivi (morte di una persona cara, divorzio), perdita del posto di lavoro, intervento chirurgico, esposizione alle tossine ambientali e all'inquinamento, prolungato stress a causa di difficoltà finanziarie, cattive relazioni o difficoltà nell’ambiente di lavoro e altre condizioni che comportano sentimenti di impotenza, trauma emotivo, mancanza di sonno, dieta povera , intolleranze e allergie alimentari e mancanza di esercizio fisico.

La Causa più Frequente della Stanchezza Surrenale

Se pur vero che lo stress è oggigiorno una delle cause dell'affaticamento surrenale, ma è una causa secondaria. La causa più comune è l'intolleranza ai carboidrati (clicca qui per sapere di più) sempre più persone hanno un'intolleranza ai carboidrati, senza sapere e non si accorgono che la loro stanchezza è dovuta a questa intolleranza.

Eliminare i cibi a cui si è allergici o intolleranti dalla dieta è una delle cose migliori da fare per ridurre il lavoro a carico delle ghiandole surrenali.

Le persone più predisposte ad un affaticamento surrenale sono: genitori single, persone che hanno una vita matrimoniale infelice, madri con più figli e senza alcun supporto da parte della famiglia o degli amici, dipendenti insoddisfatti del lavoro e che lavorano in condizioni stressanti, lavoratori autonomi con un’attività appena iniziata o che richiede un impegno estremo, lavoratori che effettuano turni di notte e che, quindi, devono cambiare spesso i ritmi del sonno, soggetti ipotiroidei da molto tempo (ma mai diagnosticati a causa di un TSH normale), studenti che lavorano per mantenersi agli studi, persone che vivono solo per il lavoro, senza svagarsi mai, coloro che abusano di alcool o droghe.

Esame da fare

L’esame più attendibile è il dosaggio del cortisolo nella saliva fatto in 4 diversi momenti della giornata che consente di valutare se il profilo di secrezione del cortisolo è normale o alterato. Il semplice prelievo di sangue al mattino per il dosaggio del cortisolo è molto meno indicativo a questo scopo.

 3 Passi per Trattare e Sostenere il Sistema Surrenale in Modo Naturale

Il trattamento per l'affaticamento surrenale comporta la riduzione dello stress sul  corpo e la sulla mente, eliminando le tossine, evitando pensieri negativi e ricostituendo il corpo con cibo sano e pensieri positivi.

 

1. Alimentazione: in ogni caso di recupero surrenale, la dieta è un fattore fondamentale. Ci sono alcuni di alimenti che supportano la funzione surrenale. Essi aiutano a ripristinare l'energia surrenale in modo che il sistema possa tornare alla piena salute. Ma innanzitutto bisogna cominciare a rimuovere tutti i cibi difficili da digerire e le tossine o le sostanze chimiche nel ambiente. Eliminare tutto ciò che stimola l’adrenalina. Eliminare i carboidrati la causa più frequente dell'affaticamento surrenale.

Gli alimenti da evitare sono: caffeina, perché può interferire con il ciclo del sonno e rendere difficile il recupero dei surreni.

Zucchero e dolcificanti: sono inclusi anche lo sciroppo di mais ad alto fruttosio e dolcificanti artificiali. Evitare cibi zuccherini, cereali, caramelle, dolci, ecc. Ricordati che lo zucchero è un additivo in molti pani e condimenti.  Evitare il maggior numero possibile di zuccheri. L’unico dolce ammesso è il miele di Manuka.

Alimenti trasformati: contengono molti conservanti e additivi, sono difficili da digerire, inoltre consumano il ciclo di energia del corpo e affaticano la digestione.

Oli idrogenati: la soia, la canola e l'olio di mais sono fortemente infiammatori e possono portare ad infiammazione surrenale. Utilizzare solo grassi buoni come olio di cocco, olio d'oliva o ghee.  Prediligere alimenti nutrienti che sono facili da digerire e hanno qualità curative.

Alcuni degli alimenti per la salute surrenale includono: germogli, asparagi, aglio, cocco, olive, avocado, mirtilli selvatici, banane, mele rosse, lamponi, verdure crocifere (cavolfiore, broccoli, cavolini di Bruxelles ecc.), pesce grasso (ad es. Salmone selvatico), pollo e tacchino, frutta a guscio, come noci e mandorle, semi, come zucca, chia e lino, sale integrale.  Questi alimenti aiutano a superare l'insufficienza surrenalica perché sono densi nutrienti, con basso contenuto di zucchero e hanno grassi e fibre sane. Però, a causa dell'esaurimento del suolo determinato da pratiche agricole troppo intensive e malsane, gran parte dei frutti e delle verdure non hanno la stessa quantità di nutrienti che avevano 50 anni fa.

Pertanto, sono necessarie alcune sostanze nutritive che aumentino l'effetto surrenale come: Ashwagandha, Olio di pesce (EPA / DHA), Magnesio, Vitamina B12, Vitamina C, Vitamina D3 e Zinco.

La tecnica dello spuntino

Molti di noi consumano 3 pasti al giorno, relativamente pesanti e intervallati da lunghi digiuni. E’ un’abitudine poca sana per le ghiandole surrenali, perché dopo un’ora e mezza o due i livelli di glucosio nel sangue calano. E quando gli zuccheri calano, le ghiandole surrenali producono cortisolo per mantenerti attivo e, quindi, le surrenali non hanno la possibilità di riposarsi.

Quindi un buon metodo per non affaticare le ghiandole surrenali consiste nel consumare pasti leggeri e bilanciati ogni ora e mezza o due. Così facendo si mantiene costante il livello di glucosio nel sangue, per tutta la giornata e finché i livelli di glucosio non calano le ghiandole surrenali non hanno bisogno di intervenire. Se le ghiandole si riposano, possono ripristinare il proprio funzionamento.

 

2. Tonificare i Reni

Nei reni si trova la sede della nostra energia vitale, dove viene conservato il Jing, l’essenza, secondo la medicina tradizionale cinese.

Un ottimo tonificante dei reni è la radice di He Shou Wu (Polygonum multiflorum). Il Polygonum multiflorum è una delle erbe toniche cinesi più importanti e utilizzate.

Per tradizione si crede che la pianta di He Shou Wu sia in grado di assorbire enormi quantità di Qi dalla terra in cui cresce e che sia in grado di conservare questo Qi nelle sue radici.

La radice di Polygonum multiflorum, in sinergia con la di Radice di Rehmannia, conosciuta anche come “cibo del rene” e le Bacche di Goji, costituiscono un eccellente tonico per i reni

 

3. Ridurre lo Stress

Riposare il più possibile, quando si senti stanchi.

Dormire 8-10 ore a notte. Evitare di rimanere svegli fino a tardi e rimanere in un normale ciclo di sonno – l’ideale a letto prima delle 10:00.

Ridere e fare qualcosa di divertente ogni giorno.

Ridurre  al minimo il lavoro e lo stress relazionale.

Fare esercizio fisico, anche una camminata moderata.

Evitare persone negative.

Cercare un consiglio o un supporto per eventuali esperienze traumatiche.

Prendere del tempo per se stesso. Ci sono molti studi (1) che dimostrano che una pratica di rilassamento, come lo yoga, meditazione, ecc. possa invertire i danni causati dall'eccessiva produzione di ormoni dello stress. C’è un'ampia varietà di pratiche rilassanti che riducono lo stress e che possono aiutare a normalizzare gli ormoni dello stress e le nostre ghiandole surrenali.

Tempo di Recupero di Insufficienza Surrenale

Il ripristino da affaticamento surrenale può richiedere un po’ di tempo, e varia da persona a persona. Per un recupero completo possono volerci dai 6-9 mesi per la stanchezza surrenalica minore, 12-18 mesi per stanchezza moderata, fino a 24 mesi per stanchezza severa.L'approccio migliore è quello di apportare modifiche solide allo stile di vita per risultati duraturi. Se punti a uno stile di vita equilibrato con un sano livello di sonno, esercizio, divertimento e ambiente positivo, allora è più probabile che il tuo sistema surrenale diventi forte.

 

Riferimenti: 

  • (1) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3193654/

2 pensieri su “3 Modi per Trattare la Stanchezza Surrenale Naturalmente”

  • Carlo

    Vorrei sapere se questo prodotto influisce sulla pressione sanguigna !?

    Replica
    • Patricia De Souza
      Patricia De Souza luglio 9, 2017 alle 1:20 pm

      La formulazioni Shou Wu Formulation, non è un eccitante, però contiene tra gli ingredienti l'Eleuthero (Ginseng siberiano) che viene sconsigliato a coloro che soffrono di pressione alta, poiché la stimolazione energetica del rimedio potrebbe influire innalzandola ulteriormente.

      Replica
Lascia un Commento