Change your language here!

Servizio gratuito numero


Gli Scarsi Effetti della Condroitina e Glucosamina per Dolori Articolari

 

Ormai le persone da molto tempo sono alla ricerca di medicine e sostanze all’avanguardia in grado di contrastare i dolori articolari, soprattutto quelli provocato dall’osteoartrite. La glucosamina e la condroitina sono due sostanze importanti per il nostro corpo, che aiutano a riparare e ad alleviare eventuali problemi alla cartilagine.

dolori articolari nel corpoLa ricerca ha dimostrato che questi prodotti sono sicuri ma alcuni ritengono che presentino solamente un effetto placebo per quanto riguarda il trattamento dei dolori. Secondo la  mia esperienza, più che effetto placebo, le due sostanze hanno una certa efficacia iniziale, ma col passare del tempo la perdono

Vediamo però nel dettaglio cosa sono queste due sostanze per cercare di capire meglio i loro effetti.

La condroitina è una componente importante della cartilagine ed è prodotta naturalmente dal corpo. Gli integratori a base di condroitina sono ottenuti a partire dalla cartilagine degli animali come per esempio le mucche, i maiali o gli squali oppure può essere ottenuta in laboratorio.

Gli integratori sono venduti sotto forma di solfato di condroitina e tale sostanza è spesso prescritta insieme ad un integratore di glucosamina. Come la condroitina anche la glucosamina è prodotta naturalmente dal nostro corpo, è presente nella cartilagine ed in particolar modo nel fluido che circonda le articolazioni.

Per la creazione di integratori che presentino al loro interno questa sostanza  si è spesso utilizzato il guscio dei molluschi. La glucosamina può comunque essere riprodotta artificialmente in laboratorio così come la condroitina di cui parlavamo in precedenza. Per la prevenzione dell’artrite viene somministrato il solfato di glucosamina.

Molteplici test di laboratorio hanno evidenziato che questa sostanza ha notevoli proprietà antinfiammatorie e può favorire la rigenerazione della cartilagine in maniera naturale. Molte persone sono convinte che queste sostanze non hanno alcun beneficio per la loro salute. Per ottenere risultati significativi occorre però assumere notevoli quantità di queste sostanze e non sempre si è disposti a fare cure molto lunghe anche se poi il risultato è quello di alleviare il dolore.

compresse di condroitina e glucosaminaInoltre, le pillole sono molto grandi e spesso poco agevoli nell'assunzione e oltretutto vanno anche prese più volte al giorno. Il nostro corpo riesce ad assorbire solo una piccola quantità di glucosamina che viene fornita dall’esterno; ad esempio, nel caso di pillole o capsule solo il 15% viene assorbito.

A tutte le difficoltà già evidenziate in precedenza per chi decide di seguire un trattamento di questo tipo c’è da aggiungere anche la problematica relativa alle allergie che l'assunzione di queste sostanze può provocare. La maggior parte degli integratori di glucosamina e condroitina vengono ottenuti dai gusci dei molluschi e molte persone sono allergiche ai crostacei. Gli effetti di questo trattamento, quindi, si ottengono solo combinando le due sostanze. Nonostante non abbiano evidenti effetti collaterali, alcune persone hanno manifestato disturbi al tratto gastro-intestinale.

Molto probabilmente la causa di tutto questo sta nel fatto che le compresse di glucosamina sono molto grandi e causano disturbi gastrointestinali.

Infine, dopo notevoli studi, non è ancora chiaro se la glucosamina altera i livelli di zucchero nel sangue. I diabetici dovrebbero quindi avere cautela nell’assunzione di queste sostanze e monitorare continuamente la glicemia onde evitare qualsiasi conseguenza negativa.

In sintesi, sconsiglio l'uso di condoitrina e glucosamina in quanto sono spesso poco efficaci e necessitano importanti quantità affaticando ed intossicando il fegato (causa degli eccipienti) oltre ad avere uno scarso assorbimento. Preferisco sempre suggerire l'uso di erbe e zolfo organico.

Lo zolfo è essenziale in molti processi biologici tra i quali il metabolismo e i due aminoacidi che lo contengono, metionina e cisteina, svolgono ruoli fisiologici essenziali nel corpo umano. È un minerale che ha proprietà curative e la sua carenza è stata associata a  dolore ed infiammazioni specie a livello muscolare e scheletrico.

Lo zolfo organico è un composto biologicamente attivo dello zolfo cosi' come si torva in natura.  Esso ha una fortissima azione antiossidante, blocca l'infiammazione grazie alla stimolazione del cortisolo, rilassa la muscolatura e contribuisce all'eliminazione delle scorie e dei liquidi in eccesso.

Vi sono inoltre prodotti a base di erbe biologiche che risultano molto efficaci, senza eccipienti ed additivi.

Tra le piante ad azione antinfiammatoria abbiamo l'Artiglio del diavolo, la Boswellia serrata, la Curcuma e il Salice Bianco.

L'artiglio del diavolo (Harpagophitum Procumbens) possiede un'azione antinfammatoria e antidolorifica grazie al suo contenuto di iridoidi, molecole in grado di inibire la sintesi di alcuni mediatori dell'infiammazione che sono le prostaglandine. Numerosi studi hanno paragonato la sua efficacia agli antinfiammatori di sintesi.

La boswellia serrata è anch'essa una preziosissima pianta contro l'infiammazione e i dolori. Gli acidi boswellici contenuti in essa ostacolano il funzionamento di un enzima che produce sostanze che facilitano i processi infiammatori.
Infine la corteccia di Salice Bianco da cui ha origine l'aspirina possiede proprietà analgestiche, antipiretiche e antinfiammatorie senza avere effetti irritanti sulla mucosa gastrica.

Infine la curcumina, contenuta nella radice di curcuma, è anch'essa in grado di controllare i processi infiammatori e di svolgere un'azione analgesica. 

L'ideale è utulizzare un prodotto contenente queste erbe in forma di macerato glicerinato in gocce e di origine biologica.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un Commento