it en
Change your language here!

Carenza di Enzimi Digestivi e Malassorbimento dei Nutrienti

enzimi digestivi e sistemici

La maggior parte di noi ritiene che gli enzimi digestivi servano soltanto a favorire la digestione, invece il loro compito è molto più ampio.

Gli enzimi sono essenziali per la vita. Essi sono in grado di abbattere proteine, carboidrati e lipidi. Recenti studi evidenziano come ci sia una crescente incidenza di malattie che, se ricondotte alla fonte, sembrano essere collegate al malassorbimento di nutrienti, causato dalla mancanza di enzimi digestivi (1). Ciò significa che, pur mangiando gli alimenti più sani del mondo, non si può godere di buona salute se non si stanno assorbendo le sostanze nutritive.

Attualmente  è prassi diffusa e consueta servirsi di antiacidi per il bruciore di stomaco, farmaci per l'indigestione e senza pensarci troppo, tuttavia i problemi digestivi non sono normali e non dovrebbero essere ignorati. 

Bisogna assicurarsi di digerire correttamente il cibo che si mangia, in questo modo si può migliorare la propria salute e sentirsi meglio che mai. Una cattiva digestione, tra gli altri effetti sgradevoli, accelera anche il processo di invecchiamento.

Secondo la ricerca, l’integrazione degli enzimi digestivi può offrire benefici nella gestione dei disturbi gastro-intestinali, dall'intolleranza al lattosio alla fibrosi cistica (2). Se non digeriamo in maniera efficace avremo delle carenze di vitamine e minerali e non solo. 

Gli enzimi si dividono principalmente in enzimi digestivi ed enzimi sistemici. Alcuni enzimi sono prodotti dal corpo, altri enzimi si trovano naturalmente in determinati alimenti o disponibili come integratore alimentare.

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che potresti incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...

Cosa sono gli Enzimi 

Gli enzimi sono catalizzatori che consentono alle molecole di passare da una forma all'altra. Gli enzimi digestivi consentono al nostro corpo di scomporre il  cibo in nutrienti, per produrre energia, riparare e mantenere la nostra struttura fisica e le funzioni. 

Gli enzimi si trovano nella bocca, nello stomaco e nell'intestino tenue. Tuttavia, la maggior parte di quelli digestivi sono prodotti dal pancreas e rilasciati nell'intestino tenue tramite succhi pancreatici.

Questi enzimi rompono i legami tra le particelle di cibo, permettendoci di assorbire i nutrienti nelle loro forme più piccole. Ad esempio, un carboidrato complesso è essenzialmente una lunga catena di semplici molecole di zucchero. Quando si mangiano carboidrati complessi, gli enzimi spezzano la catena lunga nei suoi componenti più piccoli, il glucosio, che il corpo assorbe e può utilizzare per produrre l'energia.

Gli enzimi come la lipasi, converte i trigliceridi in acidi grassi, l’amilasi scompone i carboidrati in zuccheri semplici, la proteasi e peptidasi, demoliscono le proteine.  Una volta che le sostanze nutritive si rompono in molecole abbastanza piccole, vengono assorbite attraverso le pareti dell'intestino tenue, da cui passano nel sangue, e quindi trasportate in tutto il corpo.

Quando il corpo non produce abbastanza enzimi digestivi, può rallentare il processo di digestione e portare a sintomi fastidiosi. Ad esempio, se non si produce abbastanza dell'enzima lattasi, sarà difficile digerire il lattosio, lo zucchero nel latte e nei prodotti a base di esso. Se non si possiede lattasi, il lattosio non digerito va al colon, il che porta all'entrata di più fluidi e più gas, prodotti dai batteri dello stesso, creando gonfiore, flatulenza e diarrea.

Infine, il cibo non digerito può effettivamente filtrare dall'intestino tenue nel flusso sanguigno e il sistema immunitario, reagendo a ciò, crea una serie di disturbi.

 

Cosa sono gli Enzimi Sistemici

enzimi digestiviQuando gli enzimi non vengono utilizzati dall’organismo nei processi digestivi, sono chiamati a svolgere altri importanti processi fisiologici.

Questi si chiamano enzimi sistemici, perché se assunti lontano dai pasti impiegano la loro capacità di scomporre e degradare su batteri, funghi, parassiti, ecc.

Gli enzimi sistemici sembrano specificamente colpire l'infiammazione in tutto il corpo. Un'infiammazione è una risposta naturale alle lesioni, ma se è  eccessiva può rallentare il processo di guarigione. Gli studi hanno esaminato l'effetto degli enzimi sui disturbi che causano l'infiammazione delle articolazioni. I risultati suggeriscono che l'integrazione con gli enzimi può  ridurre il gonfiore e fornire effetti analgesici (3).

Inoltre, essi promuovono la risposta del sistema immunitario sostenendo l’efficienza dei globuli bianchi (4).

Gli enzimi sistemici consentono il corretto funzionamento della naturale risposta infiammatoria, che lavora per guarire le ferite e combattere le malattie.  Quando la risposta infiammatoria naturale non funziona correttamente, produce un'infiammazione eccessiva e crea condizioni come gonfiore, ritenzione idrica, artrite, malattie cardiache e altre malattie del dolore articolare.  

 

Sintomi della Carenza di Enzimi Digestivi

La cattiva digestione e la mancanza di energia sono solo alcuni  dei primi sintomi di una carenza di enzimi digestivi, ma ce ne sono molti altri.

  • ♦ indigestione o eruttazione dopo i pasti 
  • ♦ bruciore di stomaco,
  • ♦ flatulenza
  • ♦ gonfiore
  • ♦ aumento di peso
  • ♦ stanchezza  
  • ♦ costipazione o diarrea 
  • ♦ capelli che si assottigliano o che cadono 
  • ♦ problemi alla tiroide 
  • ♦ pelle pallida 
  • ♦ unghie deboli 
  • ♦ difficoltà ad alzarsi al mattino 
  • ♦ problemi di sonno 
  • ♦ artrite o dolori articolari 
  • ♦ depressione, sbalzi d'umore 
  • ♦ mal di testa 
  • ♦ eruzioni cutanee 
  • ♦ cibo nelle feci

 

 

In natura, frutta e verdura crude contengono enzimi necessari per la loro digestione. Ad esempio, una mela cruda contiene teoricamente gli enzimi necessari affinché i nostri corpi utilizzino i suoi nutrienti; tuttavia, se la mela viene coltivata in terreno povero di sostanze nutritive, il suo contenuto di enzimi sarà scarso. Se il frutto viene cotto, i suoi enzimi vengono completamente distrutti dal calore.

Reintegrare gli Enzimi 

L’integrazione degli enzimi è utile per le persone che non riescono a produrre abbastanza enzimi digestivi a causa di una condizione di salute. Le persone con carenze potrebbero ottenere un grande beneficio.

uomo con dolore stomacoMan mano che il tempo passa, l’organismo produce sempre meno enzimi. La loro produzione diminuisce già a partire dai 25 anni e scende ulteriormente verso i 40 anni. Dopo questa età, il calo degli enzimi e lo stress dello stile di vita causa una riduzione degli ormoni sessuali più importanti: del testosterone e del progesterone. Il desiderio sessuale, la gioia di vivere, la densità ossea, la massa muscolare e l'energia complessiva diminuiscono in modo significativo.

La quantità di enzimi diminuisce ulteriormente nel momento in cui si raggiunge l'età di 60 o 70 anni (5). Uno dei motivi per cui ciò accade è che la produzione di acido ipoclorico diminuisce con l'invecchiamento. L'acido ipoclorico è essenziale per stimolare gli enzimi digestivi nello stomaco.  Quindi, la loro integrazione può essere utile per gli anziani.

Gli enzimi digestivi possono anche alleviare un fattore importante che aumenta il rischio di malattie, ovvero, l’eccesso di peso e l’obesità. Quando inizia a digerire il cibo, grazie all'integrazione di enzimi digestivi, l’organismo riceve sostanze nutritive che non ha mai avuto prima e, di conseguenza, le persone in sovrappeso potrebbero riceverne benefici, sentirsi più sazi e più in equilibrio nel rapporto con il cibo.

Infine se non seguiamo una dieta prevalentemente a base di cibi crudi e non mastichiamo bene, non otteniamo enzimi dal cibo e il nostro corpo non può produrre abbastanza energia. Dato che la maggior parte del cibo consumato non è frutta cruda nè verdura coltivata in terreni ricchi di nutrienti, la maggior parte delle persone potrebbe trarre beneficio dagli integratori enzimatici.  

In conclusione, dal momento che  aiutano ad assorbire i nutrienti vitali dagli alimenti di cui abbiamo bisogno, non è necessario presentare un problema per provare i benefici degli enzimi: essi potrebbero aiutare un organismo sano a funzionare ancora meglio.

 

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato una speciale "Guida Olistica per la Salute" in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che potresti incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...

 

Riferimenti:

  • 1- https://gut.bmj.com/content/54/suppl_6/1.full&xid
  • 2- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4923703/
  • 3- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11784210
  • 4- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8620329
  • 5- https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4546438/
Aljaz Vavpetic
Sull'autore Aljaz Vavpetic
Naturopata Riza e Counselor Gestalt che studia e si dedica al benessere olistico dal 1999. Inizialmente offriva consulenze dal vivo nel suo studio, poi riconoscendo una grande mancanza di integratori di qualità senza additivi e antiagglomeranti, ha deciso nel 2013 ad aprire due negozi online con prodotti naturali difficili da reperire e con proprietà naturali fuori dal comune. Dopo oltre 5000 consulenze, diventa autore della "Guida Olistica per la Salute" con oltre 100 programmi naturali per aiutare contro i comuni disagi moderni, e della "Guida Olistica per la Salute degli Animali", che sono le raccolte più complete di approcci naturali olistici online in Europa. Entrambe le guide vengono aggiornate ogni mese e spedite gratuitamente a chi lo segue via newsletter.
Lascia un Commento