Change your language here!

Servizio gratuito numero


Gli Inquietanti Processi di Elaborazione degli Oli di Pesce o Fegato di Merluzzo

 

Nonostante gli oli di fegato di merluzzo (e gli oli di pesce in generale) siano molto olio di pesce ossidatovenduti e comuni in commercio,  molto spesso si ignora  che la grandissima maggioranza degli oli di fegato di merluzzo passano attraverso una serie di fasi di lavorazione che comportano alte temperature, alta pressione, solventi, umidità e agenti chimici. Gli acidi grassi omega-3 fragili sono riscaldati a temperature cosi' alte che in alcuni casi si formano grassi trans che rimangono nell'olio. Inoltre, ogni passo indebolisce ulteriormente l'integrità e il valore nutrizionale dell'olio.

Questo articolo ha lo scopo di informare il lettore o l'acquirente di questi oli, di invitarlo a verificare queste informazioni quanto possibile (può aiutarsi con le referenze alla fine dell'articolo) ed infine al fine di poter una scelta più consapevole.

Le nostre papille gustative e il nostro olfatto ci danno il segnale di rifiutare alimenti rancidi prima che vengano ingeriti o anche prima di entrare in bocca. I processi di lavorazione dell'olio di fegato di merluzzo (simili ai processi dell' olio vegetale) eliminano il gusto e l'odore rancido ingannando i nostri sensi e facendoci credere che l'olio sia fresco e nutriente.

pesce inquinatoI produttori di olio di fegato di merluzzo in commercio vorrebbero far credere che alcuni o tutti questi processi possono migliorare il valore nutrizionale e la pulizia dell'olio di fegato di merluzzo. La verità è che questi processi sono distruttivi per l'olio. L'olio di fegato di merluzzo è noto per i suoi alti livelli di vitamina A, vitamina D3, e acidi grassi omega-3 che sono naturalmente contenuti in esso. Come indicato in precedenza, il processo di raffinazione danneggia gravemente questi nutrienti.

L'aggiunta di vitamine sintetiche nell'olio crea un prodotto che è paragonabile alle pillole di vitamine sintetiche. Mentre questi processi di lavorazione possono essere redditizi per i produttori di olio di fegato di merluzzo e relativamente poco costosi per i consumatori, il risultato finale è un olio sterile con poco o nessun effetto curativo e che oltrettutto rischia di aggiungere stress ossidativo al corpo.

Ecco quali sono, nel dettaglio, i processi industriali che l'olio di fegato di merluzzo subisce.

Innanzitutto, come primo step, c'è la ricerca e la cattura del merluzzo. Esso può provenire dalla Russia, dall'Alaska (spesso nei mari del Sud America), potrebbe essere stato catturato nei mari o provenire da un allevamento. La produzione internazionale dell'olio di fegato di merluzzo è regolata (purtroppo) da una sola norma, ovvero il prodotto finale deve corrispondere al rapporto specifico EPA / DHA che si trova nell'olio di fegato di merluzzo grezzo.

L'olio di fegato di merluzzo contiene circa il 9% EPA e 14% di DHA, mentre l'olio di pesce contiene generalmente circa il 18% di EPA e DHA 12%. Sono spesso aggiunti oli più economici per raggiungere l'equilibrio di EPA / DHA corretto. L'olio, a prescindere dal paese di origine, è quindi imbottigliato e venduto come vero e proprio olio di fegato di merluzzo norvegese o artico.

Basti pensare al grande controllo nel 2010 da parte del governo norvegese assieme al dott. Rubin sugli oli di omega 3 durante il quale si è scoperto che su 113 oli presenti sul mercato norvegese (molto stimato e riconosciuto come nazione di olio di pesce di qualità), addirittura 109 erano marci (molto ossidati). L'olio di pesce proveniva dal Cile e dal Peru e senza alcuna refrigerazione viaggiava per mesi via mare prima di essere venduto ad aziende europee produttrici di oli omega 3.

I merluzzi selvatici vengono catturati da grandi pescherecci a strascico che pesca selvaggiatrascorrono settimane in mare. Nella migliore delle ipotesi i pesci sono eviscerati in mare e i fegati sono raccolti in contenitori e trasportati alla sardigna. Nel peggiore dei casi i fegati sono raccolti e conservati a bordo della nave per lunghi periodi di tempo dove subiscono un'eccessiva ossidazione.

All'arrivo presso l'impianto di trasformazione, i fegati vengono macinati e poi vengono riscaldati per un certo periodo di tempo oppure sono spremuti a freddo per estrarre l'olio. La massa epatica rimanente è quindi riscaldata e sottoposta a ulteriore lavorazione per rimuovere le parti solide ma prima viene centrifugata in modo da scindere la massa epatica in olio greggio, acqua e fanghi. A questo punto, l'olio greggio destinato al consumo umano è ulteriormente elaborato, mentre i residui vengono essiccati per produrre farina di fegato che viene venduta come mangime.

La maggior parte del fegato di merluzzo viene spedito nel sud-est asiatico per l'industria dei mangimi. Successivamente, vengono utilizzati i trattamenti con carbonio per eliminare le diossine e gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), che sono tossici. L'Unione europea raccomanda la riduzione di diossine e PCB nei mangimi e negli alimenti.

In generale, il trattamento di carbonio è necessario per il pesce di allevamento e per quello pescato in prossimità di aree industriali. L'olio grezzo è idratato, riscaldato a 100 ° C e trattato con acido fosforico per separare fosfolipidi, resine, proteine, sali minerali e altri materiali intrinseci nell' olio di fegato di merluzzo.

A causa della lunghezza di tempo che intercorre tra la raccolta del pesce e la sua lavorazione, si crea un odore rancido e l'olio inizia a diventare marrone e diventa quindi necessario eliminarne l'odore.
Un altro passaggio necessario consiste nello sbiancamento per cui l'obiettivo principale è quello di restituire all'olio un colore pallido accettabile con argille e con acidi minerali. In seguito, l'olio viene raffreddato a temperatura sotto zero, provocando la cristallizzazione e la riduzione della quantità di acidi grassi saturi.

cottura olio di pesce merluzzoPer rimuovere gli acidi grassi liberi supplementari, mono e di-gliceridi, idroperossidi, aldeidi, chetoni, idrocarburi clorurati, composti volatili, che causano un odore di pesce rancido è necessario un processo di deodorizzazione. Durante questo processo, l'olio può essere riscaldato fino a 190 ° C o anche ad una temperatura superiore e questo passaggio può portare alla formazione di grassi trans (isomeri trans) di EPA e DHA.

Uno studio sulle capsule di olio di pesce sul mercato europeo ha rilevato che tutti i prodotti studiati avevano livelli di grassi trans. I grassi trans sono stati trovati fino al 4,5% del totale EPA e fino al 5,9% del DHA. Anche questo passaggio distrugge la maggior parte della vitamina A e della vitamina D che si trovano naturalmente nell' olio di fegato di merluzzo.

Poi c'è la distillazione molecolare che rimuove la maggior parte dei rimanenti laboratorio distillazione molecolarepesticidi ed inquinanti organici tra cui diossine, DDT, nonché composti bromated (ritardanti di fiamma) e riduce tutti gli inquinanti ambientali, portandoli a livelli più bassi. Le temperature possono raggiungere i 200 ° C. Talvolta questa fase viene usata in sostituzione della deodorizzazione. La distillazione molecolare è ugualmente responsabile di un’enorme perdita di vitamine A e D e la creazione di grassi trans a causa dell'alto calore.

Per coprire il sapore di pesce rancido, la maggior parte dei produttori di "petrolio" di fegato di merluzzo aggiunge aromi come “l'aroma naturale di limone”. Gli aromi non sono biologici e alcuni clienti possono avere una reazione allergica all'aroma a causa del contenuto di agrumi. Altri produttori utilizzano aromi di agrumi e aromi sintetici derivati ​​da una miscela di sostanze chimiche.

Grosso modo,  abbiamo visto un po' più da vicino cosa si trova nel 95% o più degli oli di pesce con omega 3 presenti sul mercato.

Sovente, le persone decidono di non assumerlo più, ma non occorre arrivare a questi estremi.

Per fortuna esiste ancora un'unica piccola azienda al mondo, la Rosita, che cattura il proprio pesce rispettando i ritmi della natura, lo conserva e lo protegge immediatamente in maniera rigorosa estrapolandone l'olio senza alcun processo chimico, nè di riscaldamento.

Infatti produce gli unici oli al mondo che possono essere etichettati come "extra vergine".
Guardate questo video di pesca della Rosita per vedere come trattano il pesce nelle acque pulite della Norvegia per produrre poi l'olio di fegato di merluzzo extra vergine.

Referenze e approfondimenti:

http://nor-oil.com/omega-3-fatty-acid/totox-value-and-its-importance#
http://www.nature.com/srep/2015/150121/srep07928/full/srep07928.html
http://www.vitamindcouncil.org/newsletter/newsletter-vitamin-a-toxicity/#
http://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2008/12/23/important-cod-liver-oil-update.aspx
http://lipidlibrary.aocs.org/processing/marine/index.htm
http://well.blogs.nytimes.com/2014/01/22/whats-in-your-fish-oil-supplements

 

Lascia un Commento