it en
Change your language here!

3 Segnali che il tuo Cervello sta Invecchiando Precocemente

cerebro perdita di memoria

L’invecchiamento cerebrale è un fattore fisiologico che comincia dalla nascita e si prolunga per tutta la vita. Tuttavia l’invecchiamento precoce del cervello e il rallentamento delle sue funzioni cognitive è una condizione innaturale, causata da alcuni comportamenti che possono essere fermati per ripristinare e migliorare la funzione ottimale del cervello.

Il cervello umano è unico. Esso svolge un incredibile numero di compiti quali: controllare la temperatura corporea, la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la respirazione, raccogliere con i nostri sensi (vista, udito, olfatto, gusto e tatto) informazioni sul mondo che ci circonda, eseguire il movimento fisico quando si cammina e si parla. Ci permette di pensare, sognare, ragionare e sperimentare emozioni. Tutti questi compiti sono coordinati, controllati e regolati da un organo che pesa un chilo e mezzo circa, soltanto il 2-3% del nostro peso corporeo .

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato uno speciale documento in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che potresti incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...

3 Segnali che il tuo Cervello sta Perdendo Neuroni

Per un processo denominato apoptosi (cioè morte cellulare programmata) le cellule del cervello (neuroni), a partire dai 30 anni circa, cominciano a degenerare (ovvero a morire): ecco perché dai 30 ai 75 anni il cervello arriva a perdere fino al 10% del suo peso e fino al 20% del suo rifornimento di sangue. Non solo, ma con l’invecchiamento si osserva anche una riduzione delle sinapsi (cioè delle connessioni tra i neuroni) e la comparsa di alcune alterazioni della struttura cerebrale: le placche senili e i grovigli neurofibrillari (1).

Con l’avanzare dell’età è normale non ricordare il nome di una persona o un fatto e non avere più i riflessi pronti. Tuttavia, non è normale se ciò succede frequentemente quando si è ancora giovane. Significa che il cervello perde parte dei neuroni e delle connessioni nervose con conseguente diminuzione delle funzioni mentali (2). Questi sono i 3 primi segnali di una neuro degenerazione precoce.

 

1 - Mancanza di Concentrazione: può essere confusa con la stanchezza mentale, si manifesta con una difficoltà a concentrarsi su un compito, una lettura, una conversazione, anche con una difficoltà di apprendimento, con un livello di attenzione ridotto e un calo nella capacità di svolgere i propri compiti. Queste mancanze hanno effetti negativi sulla vita di tutti i giorni, al lavoro, a scuola e in famiglia. Questi sono segnali che i tuoi neuroni stanno degenerando.

2 – Depressione: quando vi è depressione, la corteccia frontale (la parte del cervello coinvolta nel pensiero, la pianificazione e la formazione di obiettivi) non svolge bene la sua funzione. Si è potuto notare, confrontando i diversi studi effettuati su pazienti con depressione maggiore e soggetti normali, che i pazienti con depressione presentavano delle alterazioni in questa area. Alcuni studi suggeriscono che le anomalie nei collegamenti strutturali del cervello sono associati ai sintomi della depressione (3). Questo è un motivo per cui l'assunzione di antidepressivi, che aumentano i livelli dei neurotrasmettitori nella fessura sinaptica, non fanno nulla per aumentare la salute del cervello, anzi sono spesso limitati nel loro effetto. Ed è probabile che le anomalie strutturali contribuiscano al rischio per la ricaduta della depressione.

3 - Cattiva digestione: la funzione del cervello è il risultato di un continuo sovrapporsi di miliardi di attività neuronali che gestiscono informazioni interne e stimoli esterni, che non cessano praticamente mai. Il cervello riceve e invia costantemente l'input dai recettori. Il condotto di uscita principale è lo stelo del cervello, in particolare il nucleo parasimpatico del nervo cranico e il nervo vago. Il nervo vago innerva il tratto digestivo e controlla tutto, dalla secrezione di acido dello stomaco e degli enzimi pancreatici alla motilità intestinale e alla contrazione della vescica. Se il 90% della produzione del cervello entra nell'area del nervo vago e il cervello non svolge correttamente le sue funzioni, è probabile avere problemi digestivi (4).

 

Qual è la Causa della Neurodegenerazione?

uomo stressato confusione mentale

Una certa quantità di neurodegenerazione è completamente inevitabile. Tuttavia, i seguenti fattori rischiano di uccidere le cellule del cervello più velocemente: problemi di zucchero nel sangue, ipossia (riduzione dell'ossigeno, spesso causata da scarsa circolazione o anemia), infiammazione sistemica (autoimmunità, intestino perdente, infezioni croniche, tossine alimentari ecc.) e gli squilibri ormonali. Altri i fattori che accelerano l’invecchiamento cerebrale sono: intenso stress, insufficiente sonno, cattiva alimentazione, farmaci, inattività, isolamento sociale.

Il tuo cervello ti rende quello che sei e ti permette di vivere esperienze uniche, per mantenerlo in salute il minimo che puoi fare è prenderne cura. Ecco alcuni utili consigli:

  • ♥ Evitare le tossine alimentari: queste includono olii industriali, zucchero in eccesso, cereali e soia trasformata. Mangia “alimenti super” come spinaci, fragole e mirtilli; sono chiamati "alimenti super" perché rafforzano il cervello;
  • ♥ Fare il pieno di vitamine: il cervello ha bisogno di una varietà di vitamine, minerali e enzimi per funzionare correttamente, proprio come una macchina ha bisogno di combustibile. Una dieta equilibrata con una varietà di alimenti è la migliore fonte di combustibile del cervello, ma anche gli integratori possono essere un valido aiuto;
  • ♥ Migliorare l'equilibrio degli acidi grassi: il 60% del cervello è fosfolipide ed è stato dimostrato che DHA può migliorare la plasticità e la funzione del cervello, riducendo l'infiammazione e le condizioni neurodegenerative;
  • ♥ Mantenere sano l'intestino: un'infiammazione nell'intestino provoca l'attivazione delle cellule microgliali (cellule immunitarie) del cervello (4);
  • ♥ Rimanere mentalmente attivo:i neuroni hanno bisogno di una stimolazione costante o saranno atrofici e moriranno. Ecco perché gli anziani che rimangono attivi e mentalmente impegnati avranno una vecchiaia migliore di quelli che vedono la pensione come un'opportunità di guardare la TV per molte ore al giorno;
  • ♥ Aumentare il flusso di sangue al cervello: l'attività fisica è uno dei modi migliori per farlo; la sedentarietà incide negativamente sullo stato cerebrale;
  • ♥ Dormire bene: dormire e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno influenza l’umore, le attività cerebrali e migliora la memoria e la concentrazione.

 

Rimedi Naturali per il Cervello

In natura esistono alcune piante e rimedi che possono aiutare a migliorare le attività cerebrali, migliorando la memoria e la concentrazione e possono prevenire la degenerazione neuronale precoce. Eccone alcune:

Fungo Reishi (Ganoderma lucidum ): il fungo rosso contribuisce al miglioramento energico sia fisico che mentale, rafforzando la memoria. Aiuta a ossigenare le cellule per migliorare la tonicità psico-fisica totale. L'ultimo studio conferma che il Reishi protegge le cellule cerebrali dalla degenerazione dei neuroni attraverso l’inibizione dell’attivazione dei microgliali (5).

Ginko Biloba: alcuni studi hanno trovato che il ginkgo aiuta a migliorare la memoria e il pensiero (6). Gli scienziati hanno dimostrato che l'estratto vegetale ginkgo biloba può proteggere il tuo cervello dalla tossicità associata al cloruro di alluminio, collegato alla malattia di Alzheimer e ad altre malattie cognitive. Studi precedenti suggeriscono che le proprietà antiossidanti presenti nel ginkgo biloba aiutano a proteggere le cellule dai danni dei radicali liberi nei sistemi circolatori e nervosi (7).

vitamine per il cervelloL'olio di Pesce: è un altro integratore che fornisce alimenti cerebrali, in particolare una componente degli acidi grassi omega-3 conosciuta come DHA. Le nostre cellule nervose e soprattutto le connessioni che fanno (le sinapsi) devono essere ricche di acidi grassi omega-3, promuovendo un corretto flusso sanguigno, che è essenziale per una funzione cerebrale ottimale.

Polvere di Perle: uno studio indica che la polvere di perla possa migliorare la capacità di apprendimento e la memoria(8). Inoltre promuove un effetto calmante sul sistema nervoso(9).

Vitamina B: alcuni studi confermano che una carenza di vitamina B può causare depressione e disfunzione mentale, mentre negli anziani una maggiore tendenza alla demenza. Un altro studio ha descritto una donna di 66 anni ricoverata in ospedale con grave depressione, psicosi, perdita di energia e di interesse per la vita, i suoi livelli ematici di B 12 erano bassi e i suoi sintomi sono stati quasi interamente invertiti grazie ad iniezioni della vitamina (10).

 

Non hai trovato la risposta al tuo problema in questo articolo?

Non preoccuparti!

Abbiamo preparato uno speciale documento in formato PDF, nel quale potrai trovare la risposta a quasi tutti i problemi che potresti incontrare.

Clicca qui per scaricare il documento...

 

Riferimenti:

  •  (1) http://www.ard.it/download/Cervello_invecchia.pdf
  • (2) https://www.cognifit.com/it/elasticita-del-cervello
  • (3) http://www.stateofmind.it/2013/07/regioni-cervello-depressione/  
  • (4) https://chriskresser.com/how-to-prevent-spending-the-last-10-years-of-your-life-in-a-diaper-and-a-wheelchair/
  • (5)    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3136196/
  • (6)    http://www.umm.edu/health/medical/altmed/herb/ginkgo-biloba
  • (7)    https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2017/05/15/ginkgo-biloba-brain-benefits.aspx
  • (8)    http://www.patriciapilot.com/pearl-powder-benefits/pearl-powder-research/
  • (9)    http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1021949817301011
  • (10) https://www.nytimes.com/2016/09/06/well/mind/vitamin-b12-as-protection-for-the-aging-brain.html
Lascia un Commento