it en
Change your language here!

Come Gestire Naturalmente Tutti i 4 Tipi di Prostatite

La prostatite è una condizione di infiammazione della prostata ed eventualmente delle aree circostanti. Solitamente è di origine batterica, evidenziabile o meno con gli esami di laboratorio, e colpisce soprattutto il 38% degli uomini sessualmente attivi e risulta spesso invalidante.

La prostatite si presenta con disturbi di minzioni irritativi, ostruttivi, fastidiosi dolori sovrapubici e perineali, eiaculazione precoce e fastidiosa se non dolorosa ed un calo del desiderio sessuale che, la maggior parte delle volte, si associa anche ad un calo dell'erezione.

Circa il 18 - 20% delle varie infertilità maschili sono da attribuire a stati infiammatori cronici della ghiandola prostatica e delle vescicole seminali. La prostata, infatti, produce il 30% del totale del  liquido seminale.

Cos’è la prostata?

La prostata è una ghiandola a forma di castagna; fa parte del sistema riproduttivo maschile, è situata proprio alla base della vescica tra la radice del pene e l'ano. La funzione principale della prostata è la produzione della componente liquida del seme che lubrifica, protegge, e stimola lo sperma. Meccanicamente, la prostata circonda l'uretra e lo sfintere urinario, che sono responsabili dello svuotamento della vescica e forniscono un controllo urinario.

 

I sintomi di un’infiammazione alla Prostata

I sintomi più comuni includono brividi, febbre, bruciore durante la minzione e l’incapacità di svuotare la vescica. In una prostatite batterica cronica, i sintomi sono simili alle infezioni di una prostatite batterica acuta, ma non provocano la febbre:

> bruciore durante la minzione

> frequenza urinaria (soprattutto di notte)

> dolore al perineo

> dolore ai testicoli

> dolore alla vescica

> mal di schiena

> eiaculazione dolorosa

 

Esistono quattro tipi di Prostatite

Prostatite cronica/sindrome del dolore pelvico cronico: è la forma più comune. I sintomi sono simili a quelli della prostatite batterica cronica ad esclusione della febbre, che generalmente non è presente, e della presenza di batteri nelle urine o nel liquido spermatico. Secondo la presenza o l’assenza di globuli bianchi nell’urina o nel liquido spermatico, si parla di prostatite cronica non batterica infiammatoria e di prostatite cronica non batterica non infiammatoria o disfunzionale.

Prostatite batterica acuta: è solitamente una malattia febbrile ad insorgenza rapida, caratterizzata da gravi sintomi urinari, in cui la ghiandola in questione all'esplorazione rettale si presenta gonfia, ingrandita e dolente.

Prostatite batterica cronica: è caratterizzata da infezioni batteriche persistenti e ricorrenti, causate da Batteri, Funghi e Virus, che, nonostante aver eseguito diversi e ripetuti cicli di terapia antibiotica, non vengono debellate definitivamente. I disturbi minzionali sorgono quasi improvvisamente.

Prostatite infiammatoria asintomatica: questo tipo di prostatite è caratterizzato dall’assenza di sintomi specifici e duraturi e, pertanto, non viene diagnosticata.  I fastidi, quali un saltuario deficit erettile, una lieve o moderata disfertilità o una lieve o moderata ipersensibilità al glande, sono di intensità ridotta e l’infiammazione è generalmente trascurata. Questo tipo di prostatite sembra essere associato ad altri agenti infettivi e ad anomalie strutturali dell’apparato urinario, ma anche a specifici stili di vita.

 

Le cause Principali

Oltre alla presenza di microrganismi, altri fattori di rischio entrano in gioco nella genesi dell’infiammazione:

♣ disfunzioni intestinali: la stitichezza, con evacuazione irregolare, favorisce lo sviluppo di una congestione pelvica che poi induce la flogosi, infiammazione della ghiandola prostatica, tramite il passaggio dei microrganismi dall'intestino alla prostata;

♣ un’alimentazione irregolare, non equilibrata, con un inadeguato apporto di alimenti e di oligoelementi, l'uso di cibi piccanti, l’uso eccessivo di caffè, l’assunzione di superalcolici possono comportare un’intossicazione che favorisce l’insorgere dell’infiammazione, tramite anche lo sviluppo di crisi emorroidaria e di emorroidi cronicizzate;

il fumo è tossico sia direttamente sia indirettamente attraverso l’alterazione delle capacità di riparazione e di difesa dei tessuti;

♣ la mancanza di sollecitazione muscolare della regione prostatica, con la sedentarietà o l'astinenza eiaculatoria, riduce il lavoro secretorio della ghiandola;

l’eccessiva sollecitazione muscolare, quali la corsa, l’andare in bicicletta o alcuni tipi di lavoro, sottopone il corpo a continue vibrazioni;

♣ l'astinenza sessuale e la riduzione delle eiaculazioni per periodi medio-lunghi determinano un invecchiamento del secreto prostatico e degli spermatozoi, che permangono in sede prostatica. Il processo degradativo amplifica il rischio di produzione di residui tossici. Sarebbe necessaria una eiaculazione almeno ogni 4-5 giorni;

♣ lo stress e le tensioni emozionali producono l’aumento di cortisolo surrenalico, favorendo l'abbassamento delle difese immunitarie e la riduzione delle capacità difensive e riparative dell'intero organismo e in particolare pelvico-prostatiche.

I Migliori Rimedi Naturali per Problemi alla Prostata

 

Zucca biologica : è ricca di vitamine, oligoelementi e antiossidanti, i semi di zucca sono un ottimo supporto nutrizionale per le vie urinarie e la prostata.

Palmetto biologico: inibisce l'enzima 5-alfa riduttasi, il palmetto può aiutare a bloccare la conversione del testosterone in DHT, diidrotestosterone. Normali livelli di DHT promuovono la salute della prostata e il completo svuotamento della vescica.

Pygeo: contiene composti che favoriscono una prostata di dimensioni normali e un flusso urinario nella norma.

Ortiche biologiche: come il palmetto, l'ortica favorisce le dimensioni normali della prostata e il flusso urinario interrompendo la conversione del testosterone in diidrotestosterone.

Curcuma biologica: lenitivo tradizionalmente utilizzato per ridurre i tessuti gonfi e arrossati.

Pino taeda biologico: ricco di β-sitosterolo, la corteccia di pino supporta la normale replicazione delle cellule della prostata e la regolazione del ciclo cellulare.

Pepe d’acqua biologico: il pepe d’acqua è un tonico salutare a tutto campo con una notevole azione antiossidante per promuovere l'integrità delle cellule.

Acido fulvico: aiuta a migliorare la biodisponibilità di altri nutrienti.

Questi rimedi, in sinergia tra di loro, costituiscono un’eccellente miscela naturale per sostenere la prostata e il normale funzionamento del tratto urinario, meglio se costituito da erbe biologiche e tecnica spagirica, senza conservanti e additivi, senza alcool.

Lascia un Commento