it en
Change your language here!

Quali Sono i Sintomi Iniziali del Diabete

 

Il diabete è una malattia che evidenzia l'aumento nel sangue dei livelli di glucosio, dovuti ad un deficit della quantità di insulina, l'ormone prodotto dal pancreas, che regola la glicemia nel sangue. I sintomi iniziali del diabete, come detto in precedenza, si evidenziano quando la quantità di insulina è insufficiente o addirittura nulla.

Tre tipi di diabete

Si possono distinguere ben tre tipi di diabete:

  • Il diabete di tipo 1: Riguarda circa il 10% delle persone e in genere si manifesta durante l'infanzia o nella fase adolescenziale. I sintomi riconosciuti sono: alterazione della temperatura, stanchezza, debolezza muscolare e perdita di peso, che in assenza di insulina o in presenza di una carenza importante, costringono le cellule che non possono utilizzare il glucosio nel sangue come fonte di energia per le attività quotidiane, ad utilizzare le proteine e i grassi a deposito.
    Oltre a questo, i soggetti affetti da diabete presentano pelle secca e disidratata e manifestano un continuo bisogno di urinare, soprattutto durante la notte. Quando i livelli di glicemia sono molto alti vengono persi molti liquidi attraverso le urine. Da qui la cute e le mucose tendono a disidratarsi, l'organismo quindi avverte la sensazione di sete (polidpsia), e l'esigenza di reintegrare i liquidi. Tra gli altri sintomi che si manifestano quando è presente la malattia c'è sicuramente la vista offuscata, oppure una serie di infezioni, visto che le urine ricche di glucosio rappresentano un ottimo terreno di proliferazione per i microrganismi. Da qui infezioni alle vie urinarie (cistiti), difficoltà di guarire da ferite, crampi ai piedi e alle mani, chetoacidosi che si manifesta, in genere, con disidratazione, vomito e dolori addominali.
    .
  • Il diabete di tipo 2: Rappresenta la forma più comune di diabete, con circa il 90% dei casi registrati. E' senza dubbio il più insidioso perché silente, quindi, più difficile da riconoscere. I sintomi, spesso ignorati perché comuni a tantissime altre patologie, o semplicemente a stress e stanchezza, sono un malessere diffuso dovuto all'alto valore della glicemia nel sangue.
    E' possibile, poi, che si presenti anche un altro sintomo denominato obnubilamento del sensorio (il soggetto si presenta confuso e poco lucido). Questa forma è molto più frequente in questo tipo di diabete mellito (1) e può essere diagnosticato diversi anni dopo la sua insorgenza, quando le complicazioni sono già presenti, anche se in forma silente come detto in precedenza. Per questo motivo è opportuno effettuare un controllo regolare della glicemia, a qualsiasi età, perché consente di poter effettuare diagnosi precoci
    .
  • Il diabete di tipo 3: Si manifesta nelle donne in gravidanza (2). Si individua molto facilmente, attraverso un semplice prelievo di sangue e sparisce dopo il parto. Ultimamente la comunità scientifica sta iniziando a definire l'Alzeihmer come il diabete tipo 3 perchè si basa sulla insulino-resistenza ed è già presente il tipo 2.

.

Come fare una corretta diagnosi

Dopo aver analizzato le tipologie di diabete, ora è opportuno capire come è possibile effettuare una corretta diagnosi. Per capire se il soggetto in questione è affetto da questa patologia, bisogna che si verifichi una delle seguenti condizioni.

Quando si presenta un valore della glicemia, misurato in qualsiasi momento della giornata, superiore a 200 mg/dl.

Quando a digiuno (mancata assunzione di cibo da almeno 8 ore) il valore della glicemia è superiore a 126 mg/dl.

Quando la glicemia presente nel sangue è maggiore o uguale a 200mg/dl durante una curva da carico.

 

I sintomi del diabete

Come detto in precedenza, i sintomi del diabete possono essere difficili da riconoscere. I dati raccolti parlano di 1 persona adulta su 4 affetta da questa patologia. Il diabete di tipo 2 può portare problemi potenzialmente gravi, come la neuropatia, oppure problemi alla vista, aumento del rischio di malattie cardiache (3).

  • Sete intensa (polidipsia)
  • Minzione frequente o necessità di alzarsi di notte per urinare
  • Perdita di peso
  • Aumento dell’appetito (polifagia)
  • Disturbi della vista (difficoltà a mettere a fuoco gli oggetti, visione sfuocata)
  • Difficoltà a guarire dalle piccole ferite, soprattutto agli arti inferiori
  • Senso di affaticamento inusuale

.

Aumento della sete e bocca secca

La quantità elevata di zucchero nel sangue, aumenta la produzione di urina e la necessità di dover andare in bagno molto più spesso. Urinare di frequente fa perdere molti liquidi, e quindi disidrata il corpo. La conseguenza di tutto questo è senza dubbio una bocca secca e il forte senso di sete. Se capita, quindi, di bere più del solito, oppure ci si accorge di avere una bocca secca, allora bisogna prendere in considerazione l''ipotesi di effettuare un controllo, perché questi potrebbero essere segnali della malattia.

 

Minzione frequente

Quando nel sangue è presente una quantità eccessiva di glucosio, come nel caso delle persone affette da diabete, è possibile che si verifichi una maggiore produzione di urina e la necessità di andare frequentemente in bagno (4). Questa cosa può portare anche ad un maggior rischio di infezioni del tratto urinario (UTI) sia negli uomini che nelle donne. Dunque, nel caso si presenti la necessità di andare spesso in bagno, alzandosi ogni paio di ore durante la notte, allora è necessario fare ulteriori indagini mediche, per stabilire se questa anomalia possa essere attribuita al diabete.

 

Il diabete può portare ad una perdita di peso imprevista

La carenza o l'assenza di insulina nelle persone affette da diabete, costringe le cellule del corpo a non ricevere abbastanza glucosio, che viene utilizzato come fonte di energia per tutte le attività quotidiane. Per sopperire a questa mancanza, il corpo, utilizza fonti alternative come per esempio i grassi a deposito, oppure il tessuto muscolare, portando quindi ad una perdita di peso anomala (5).

 

Sentirsi affamato spesso potrebbe anche essere un sintomo del diabete

Le persone affette da diabete di tipo 2, presentano insulino-resistenza, e questo significa che il corpo non può utilizzare l'insulina correttamente per aiutare il glucosio a entrare nelle cellule. Nelle persone diabetiche, l'insulina non funziona bene, ed è per questo che il pancreas (l'organo che produce insulina) inizia a distribuirne molta di più per cercare di compensare. Questo si traduce in livelli alti di insulina nel corpo, che invia al cervello il segnale di fame (6).

 

Disturbi della vista: difficoltà a mettere a fuoco gli oggetti o visione sfuocata

La lente dell'occhio è una membrana flessibile sospesa dai muscoli, che cambia la forma dell'obiettivo per focalizzare gli oggetti. In un ambiente ricco di zuccheri, come nel caso delle persone affette da diabete non controllato, la capacità di piegamento dell'obiettivo viene alterata. Sebbene l'obiettivo non sia danneggiato, i muscoli dell'occhio devono lavorare di più per mettere a fuoco. La visione offuscata (7), invece, si verifica quando vi sono rapidi cambiamenti nella glicemia - da bassa ad alta o alta a bassa – e i muscoli oculari non si sono ancora adattati ad essa. La visione offuscata è uno dei primi segnali, in presenza di diabete di tipo 2. In seguito il corpo si adatta ai livelli di zucchero e la vista riacquista il suo stato normale.

 

Difficoltà a guarire dalle piccole ferite, soprattutto agli arti inferiori

I batteri si moltiplicano più rapidamente quando i livelli di zucchero nel sangue sono elevati. Per questo motivo le persone diabetiche sono soggette a frequenti infezioni e alla difficoltà a guarire da piccole ferite (8), soprattutto quelle agli arti inferiori. Il diabete, infatti, può danneggiare l'architettura del piede, compresa la pelle, i vasi sanguigni e i nervi. I problemi ai piedi, però, si presentano in maniera frequente soprattutto nelle persone affette da diabete avanzato.

Un'altra problematica legata agli arti inferiori è rappresentata dalla prolungata esposizione ad alti livelli di zucchero nel sangue, che può danneggiare i nervi in tutto il corpo. Questa condizione è chiamata neuropatia diabetica. I sintomi, non sempre presenti, sono intorpidimento, formicolio o dolore alle estremità. Sebbene la neuropatia diabetica sia più comune nelle persone che hanno avuto diabete di tipo 2 per 25 anni o più anni, può verificarsi anche in persone che hanno prediabete.

 

Senso di affaticamento inusuale

Le persone affette da diabete spesso accusano un senso di affaticamento inusuale (9). Questo accade quando l'insulina, che regola i livelli di glucosio nel sangue, non è regolare e quindi lo zucchero non arriva alle cellule che quindi non riescono a nutrirsi come dovrebbero. Questa cosa porta le persone diabetiche, ad accusare questo senso di fatica, pur non avendo effettuato nessuna particolare attività fisica.

 

Avendo questi sintomi, posso mangiare il pane, la pasta e la pizza?
Una soluzione c'è

Per noi italiani sacrificare alimenti come il pane, la pasta e la pizza è spesso veramente un dramma, anche se sappiamo che dovremmo farlo, a volte si sgarra, oppure cerchiamo alternative più sane, ma non è la stessa cosa. Il grano ha il gusto a cui siamo abituati da piccoli ed è quella che rende meglio in cucina, ma purtroppo quella che ha anche un indice glicemico proibitivo, troppo alto, e alza la glicemia alle stelle, anche con le più piccole porzioni.

Per fortuna una soluzione definitiva a questo problema è arrivata con la farina Conspersa, ovvero una farina di grano speciale che NON alza la glicemia, in quanto ha l'indice glicemico dei legumi, quindi bassissimo. Con questa farina puoi prepararti il pane e mangiarne anche mezzo chilo e la glicemia rimane inalterata, come se avessi mangiato un piatto di fagiolini! Puoi preparti anche l'impasto per farti la pizza, e in futuro usciranno la pasta e biscotti fatti con questa farina.

 

Riferimenti:

  1. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4975132/
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3944879/
  3. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4876675/
  4. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1831666/
  5. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3406235/
  6. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6123031/
  7. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4881228/
  8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4213725/
  9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5100935/

 

Aljaz Vavpetic
Sull'autore Aljaz Vavpetic
Naturopata Riza e Counselor Gestalt che studia e si dedica al benessere olistico dal 1999. Inizialmente offriva consulenze dal vivo nel suo studio, poi riconoscendo una grande mancanza di integratori di qualità senza additivi e antiagglomeranti, ha deciso nel 2013 ad aprire due negozi online con prodotti naturali difficili da reperire e con proprietà naturali fuori dal comune. Dopo oltre 5000 consulenze, diventa autore della "Guida Olistica per la Salute" con oltre 100 programmi naturali per aiutare contro i comuni disagi moderni, e della "Guida Olistica per la Salute degli Animali", che sono le raccolte più complete di approcci naturali olistici online in Europa. Entrambe le guide vengono aggiornate ogni mese e spedite gratuitamente a chi lo segue via newsletter.
Lascia un Commento